NEWS:

Ancora lunghe file a San Pietro per l’omaggio a Benedetto XVI. Anche Mattarella ai funerali

Fino a domani i fedeli potranno visitare la salma del Papa emerito, esposta nella Basilica. Giovedì i funerali sul sagrato, presieduti da Papa Francesco

Pubblicato:03-01-2023 12:25
Ultimo aggiornamento:05-01-2023 11:58
Autore:

FacebookLinkedIn

ROMA – Oltre 65mila fedeli ieri, ma anche oggi si registrano lunghe file per entrare alla Basilica di San Pietro e rendere omaggio al Papa emerito Benedetto XVI, scomparso lo scorso 31 dicembre. La salma di Joseph Ratzinger, morto all’età di 95 anni, è posizionata al centro dell’Altare della Confessione e resterà esposta fino al 5 gennaio, giorno dei funerali che saranno officiati da Papa Francesco. I dati diffusi dalla Gendarmeria Vaticana parlano di circa 25mila persone che prima delle 12 di oggi si sono recate a San Pietro.

QUANDO SI PUÒ RENDERE OMAGGIO A BENEDETTO XVI

La Basilica è aperta sia oggi che domani dalle ore 7 alle 19 per l’omaggio dei fedeli a Benedetto XVI. E intanto si lavora all’allestimento del palco papale, sul sagrato di San Pietro, da dove giovedì alle ore 9.30 Papa Francesco presiederà la Messa per l’ultimo saluto al suo predecessore.

AI FUNERALI DELEGAZIONI UFFICIALI DI GERMANIA E ITALIA

Come informa l’agenzia Sir, per volere del Papa emerito, ai funerali saranno presenti anche due delegazioni ufficiali, quella della Germania in cui Ratzinger è nato e quella dell’Italia, considerata da Benedetto XVI la sua seconda partria. A piazza San Pietro tornerà quindi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, tra i primi a recarsi ieri alla Basilica per rendere omaggio al Papa emerito, e con lui ci sarà il suo omologo Frank Walter Steinmeier.

CHI VERRÀ AI FUNERALI DI RATZINGER

“Se qualche altro capo di Stato o di Governo verrà, sarà a titolo personale”, ha informato il direttore della sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni. E i primi nomi che filtrano, informa l’agenzia Sir, sono quelli del presidente della Polonia Andrzej Duda, della regina Sofia per la Spagna, del re Filippo e della regina Mathilde per il Belgio, del presidente del Portogallo Marcelo Nuno Duarte Rebelo de Sousa e di quello dell’Ungheria Katalin Novak.

IL PREFETTO FRATTASI: “ECCO COME AFFRONTEREMO I FUNERALI”

“La riunione di oggi ci ha messo nelle condizioni di affrontare con tranquillità e serenità” il giorno delle esequie di Benedetto XVI. Lo ha detto il prefetto di Roma, Bruno Frattasi, nel corso di un punto stampa al termine della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è tenuto in mattinata. All’ordine del giorno anche le misure per i funerali del Papa emerito, in programma per giovedì 5 gennaio.

Il prefetto, ai microfoni di SkyTg24, ha anche sottolineato come il flusso di fedeli e cittadini a San Pietro abbia superato le attese. “Ci aspettavamo che le persone presenti a rendere omaggio al Papa emerito potessero essere 30-40mila, ma nella giornata di ieri abbiamo avuto in totale circa 60mila visitatori. Oggi il flusso è un po’ calato, ma le cifre sono quelle”.

Quanto al dispositivo di sicurezza, Frattasi ha confermato che “è molto ampio, è quello che abbiamo già messo in campo quando c’è stata l’apertura di San Pietro per l’esposizione della salma. Ora il dispositivo verrà potenziato e modificato in alcuni aspetti nel giorno dei funerali: ci sarà un’estensione del divieto di sorvolo già in atto e un secondo presidio medico con un numero maggiore di ambulanze nella piazza“, ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn