Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lazio, Lombardia, Piemonte e Sicilia in zona gialla (ma cambia poco)

coronavirus_metro_milano-2
Mezza Italia in zona gialla, uso obbligatorio delle mascherine all'aperto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Lombardia, Lazio, Piemonte e Sicilia da oggi passano dalla zona bianca a quella gialla, aggiungendosi a Liguria, Marche, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Calabria e alle province autonome di Trento e Bolzano. Nessun cambiamento sostanziale nella quotidianità, fatta eccezione per l’uso obbligatorio delle mascherine all’aperto – peraltro già stabilito dal Governo fino al 6 gennaio come misura di prevenzione in vista delle festività natalizie. Nessuna restrizione agli spostamenti, né alle attività commerciali e produttive che potranno andare avanti seguendo le regole già in vigore. In buona sostanza il passaggio dal bianco al giallo, che avviene per il peggioramento di tre indicatori sanitari (incidenza, ricoveri ordinari e terapie intensive), ha il valore di avvertire la popolazione al rispetto rigido delle regole del distanziamento per evitare un ulteriore peggioramento nella diffusione dei contagi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»