Scuola, la Regione Puglia verso il rinvio delle lezioni in presenza

Le rappresentanze sindacali all'unanimita' hanno chiesto di rinviare l'avvio delle lezioni in presenza di una settimana o 15 giorni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Siamo certi che le istituzioni scolastiche insieme con la Regione Puglia, nell’ambito delle reciproche competenze, continueranno a dimostrare l’ottima capacita’ organizzativa di cui hanno gia’ dato prova negli scorsi mesi”. Lo dichiarano il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e gli assessori regionali a Trasporti, Istruzione e Sanita’ dopo l’incontro in videoconferenza con Anna Cammalleri, direttore dell’Ufficio scolastico regionale e i sindacati sul tema della riapertura delle scuole il 7 gennaio.

Le rappresentanze sindacali all’unanimita’ hanno chiesto di rinviare l’avvio delle lezioni in presenza di una settimana o 15 giorni e di stabilire per tutti gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado la didattica a distanza. Emiliano si riserva, alla luce di queste richieste, di decidere anche sulla base dei segnali che verranno dal Governo nazionale nelle prossime ore.

“Si lavora senza interruzione, anche di domenica, per trovare le soluzioni piu’ giuste”, continuano i rappresentanti della Giunta regionale ed Emiliano che concludono ringraziando “i sindacati e l’ufficio scolastico regionale- dichiarano al termine della riunione il presidente e i componenti della giunta- per il clima costruttivo con cui hanno affrontato i temi connessi alla ripresa a gennaio delle attivita’ didattiche per il primo e secondo ciclo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»