Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Botti in strada e video su facebook, 4 denunce a Palermo

Uno di loro dovrà rispondere anche degli oltraggi rivolti al sindaco Leoluca Orlando, che aveva emesso una ordinanza di divieto per i botti di Capodanno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Un uomo in giro per strada, fra passanti e auto, con una batteria di fuochi d’artificio accesa su una bicicletta la vigilia Capodanno. Il tutto e’ stato ripreso da un video diffuso su Facebook e cosi’ i carabinieri hanno denunciato quattro persone, tutte di eta’ compresa tra i 30 e i 63 anni.
L’episodio e’ accaduto a Palermo, il 31 dicembre: i carabinieri della stazione di Altarello Baida hanno acquisito il video diffuso sul social network e fatto scattare le denunce per accensione ed esplosioni pericolose in concorso.

I fatti si sono svolti nella trafficatissima via Pitre’, dove il gruppo aveva predisposto diversi fuochi d’artificio sul cestello posteriore di una bicicletta per poi farli esplodere in strada, fra i passanti, e riprendendo il tutto con i cellulari.

Le tre persone ritenute responsabili della preparazione dei ‘botti’ e la quarta che ha girato per la strada a bordo della bicicletta sono stati identificati. Uno di loro dovra’ rispondere anche degli oltraggi rivolti al sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che aveva emesso una ordinanza di divieto di esplosione dei botti per il Capodanno.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»