Papa Bergoglio si arrabbia, l’ironia e i meme sui social

Dalle citazioni cinematografiche e quelle di cronaca e sport, ce n'è per tutti i gusti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Papa Bergoglio perde la pazienza davanti a una fedele ‘insistente’ e la sua reazione scatena l’ironia dei social.  L’episodio, che ha fatto molto discutere, è avvenuto il 31 dicembre e da allora i meme che vedono il pontefice come protagonista si sono moltiplicati. C’è poi chi dall’avvenimento ha tratto addirittura ispirazione per una ricetta: ‘i paccheri del Papa’, nuovo piatto inventato da un ristoratore di Napoli.

LEGGI ANCHE

VIDEO | Una fedele strattona il Papa: lui perde la pazienza, poi si scusa

Bergoglio strattonato, un ristoratore di Napoli lancia i “paccheri del Papa”

IL FATTO

Da dietro la transenna, una donna ha afferrato la mano del Papa e ha tirato con forza, cercando di far avvicinarlo a sè. Lui si è infastidito e ha reagito male, prima cercando di sfilare la mano, poi tirandola indietro con forza e allontanandosi con il volto arrabbiato. L’episodio è avvenuto in Piazza San Pietro subito dopo la celebrazione del Te Deum.

I MEME DEL PONTEFICE

Di immagini ironiche che ritraggono il Pontefice arrabbiato ce n’è per tutti i gusti. Si va dalle citazioni cinematografiche, con Bergoglio in stile spaghetti western in “Lo chiamavano Santità” o in versione Mario Brega, (con la sua celebre citazione “Arzate ‘a cornuto arzate!”), ai fatti di cronaca, con il Papa in versione Roberto Spada e la sua famosa capocciata al giornalista di Nemo. Quindi il Papa tifoso giallorosso che dichiara: “E non mi hai visto quando perde la Roma”. C’è poi il leader coreano Kim Jong Un, che rivolgendosi a un generale del suo esercito dichiara: “E’ quello vestito de bianco che ha picchiato mi’ zia”.

La cosa sta sfuggendo di mano

Geplaatst door Alpha Man op Donderdag 2 januari 2020

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»