A Bari nelle mense scolastiche stop alle posate di plastica

BARI - Addio alla plastica nelle mense scolastiche di Bari dove, a partire da lunedì prossimo, i 5300 studenti utilizzeranno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Addio alla plastica nelle mense scolastiche di Bari dove, a partire da lunedì prossimo, i 5300 studenti utilizzeranno posate, piatti e bicchieri che possono essere smaltiti insieme alla frazione umida dei rifiuti. Le posate non saranno più fornite in un sacchetto trasparente ma sfuse per utilizzare durante i pasti solo quelle effettivamente necessarie.Sarà eco-compatibile anche il trasporto: il servizio di refezione scolastica sarà garantito da mezzi di trasporto di categoria Euro 6 che riducono al massimo le immissioni di inquinanti nell’aria.”Iniziamo l’anno nuovo con un piccolo grande cambiamento che eviterà l’uso di oltre 600mila buste di plastica l’anno – commenta l’assessore comunale al Welfare, Paola Romano – Una scelta in linea con quanto stabilito dall’Unione europea, che dal 2021 vieterà l’utilizzo di una serie di oggetti usa e getta non degradabili tra cui piatti, posate e sacchetti”.”A breve – annuncia Romano – elimineremo del tutto le bottiglie per passare alle brocche d’acqua e daremo il via a una nuova campagna di informazione e sensibilizzazione sui vantaggi della raccolta differenziata nelle scuole, perché i bambini e i ragazzi sono i nostri migliori alleati in questo percorso di civiltà e – conclude – di rispetto per l’ambiente che ci circonda”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»