Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Studenti liceo Azzarita di Roma: “Con norme anti-Covid regime semicarcerario”

liceo salvini azzarita roma
"Al di fuori della scuola tutto è possibile, dentro c'è l'obbligo di rimanere seduti al banco"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un gesto di “esasperazione massima”, dovuto alla “rigida applicazione delle norme anti-Covid imposte dal ministero e dalla prefettura“. Come il divieto di muoversi liberamente per l’istituto e l’obbligo di rimanere seduti al banco, se non per andare in bagno. Gli studenti e le studentesse del liceo ‘Azzarita’ di Roma hanno motivato così l’occupazione dell’istituto, avvenuta ieri mattina all’alba. Ultima – con quella del liceo ‘Avogadro’ – di una serie di occupazioni che hanno già coinvolto circa 30 istituti della Capitale.

Le possibilità di socializzazione per gli studenti negli ultimi due anni sono state sostanzialmente inesistenti, adesso all’interno della scuola continuano ad esserlo e non solo, lo scaglionamento orario 8.00/9.40 impone in molti casi orari proibitivi, precludendo così a molti studenti la possibilità di una vita sociale anche al di fuori della scuola- spiegano i giovani in un comunicato congiunto con il liceo Avogadro, occupato questa mattina- Gli alunni sono stati trascurati e lasciati sempre per ultimi nelle considerazioni generali, in quanto la maggior parte degli studenti non costituisce elettorato e non ha una vera valenza economica, quindi non ha voce in capitolo su norme e decisioni che li riguardano in prima persona. In altri ambiti le necessità di salute pubblica sono state bilanciate con le necessità economiche e di consenso. È ovvio ed evidente che gli studenti non sono portatori di nessuno degli interessi sovra elencati. Mentre al di fuori della scuola fino ad ora è stato possibile mangiare al ristorante, prendere mezzi pubblici e treni regionali, partecipare a manifestazioni e cortei e frequentare negozi e centri commerciali, gli studenti sono costretti a un regime ferreo, semicarcerario e potenzialmente dannoso per la loro salute“.

Ieri mattina, all’alba, un gruppo di studenti aveva provato una prima azione, ma era stato fermato del personale Ata. Rimasti fuori dalla scuola, i giovani avevano quindi riprovato ad entrare da un altro ingresso. Alcuni studenti erano riusciti a raggiungere il tetto della scuola, dove è stato esposto lo striscione: ‘Azzarita presente’. A quel punto gli studenti rimasti fuori dalla scuola sono riusciti ad entrare e, al termine di un’assemblea, hanno ufficializzato l’occupazione. Intanto nell’istituto erano già arrivate le forze dell’ordine, chiamate dalla dirigente scolastica Maria Urso.

La preside ha fatto girare una circolare in cui diceva che noi avevamo sequestrato i ragazzi presenti dentro la scuola, quando nessuno è mai stato costretto a rimanere dentro– spiega alla Dire Livio Borghese, studente e membro della lista ‘Libera’- gli ispettori del commissariato ci dicevano che la preside aveva già richiesto lo sgombero con la forza e ci avrebbe denunciati per lesioni aggravate. Ma noi non siamo mai riusciti a parlare direttamente con lei, la preside ha sempre negato ogni tipo di apertura al dialogo. Abbiamo parlato solo con la polizia”.

Il dialogo con gli agenti sta continuando anche in queste ore in maniera pacifica, assicurano gli occupanti. L’intenzione dei ragazzi è quella di continuare la mobilitazione fino a domani sera o sabato mattina, “sempre se la preside non manda la polizia- aggiunge Livio Borghese- La cosa peggiore sarebbe fare la figura dei vandali, perché se ci portano fuori la scuola rimarrebbe disordinata. Mentre terminando l’occupazione riusciremmo a pulirla”. Oggi l’autogestione sta proseguendo con dibattiti sull’attualità e corsi organizzati dagli studenti. “Porteremo avanti questa occupazione nel pieno rispetto delle norme anti-Covid vigenti, garantendo l’uso della mascherina negli spazi interni dell’Istituto e il controllo del Green Pass, e permetteremo l’accesso all’edificio unicamente agli studenti dell’istituto. Ci occuperemo inoltre del tracciamento degli studenti in modo da poter riferire alla ASL i dati necessari in caso di contagi durante l’occupazione”, spiegano i ragazzi nel comunicato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»