Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Germania scatta il lockdown per i non vaccinati, obbligo immunizzazione in esame

ANGELA_MERKEL
Coloro che non si sono sottoposti all'immunizzazione non potranno accedere a una serie di luoghi pubblici, come negozi di beni non essenziali o sale concerti, a meno che non siano guariti dal coronavirus di recente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Restrizioni dei contatti sociali per le persone non vaccinate contro il Covid-19 sono state annunciate oggi in Germania dalla cancelliera uscente Angela Merkel. Sulla base delle nuove disposizioni, coloro che non si sono sottoposti all’immunizzazione non potranno accedere a una serie di luoghi pubblici, come negozi di beni non essenziali o sale concerti, a meno che non siano guariti dal coronavirus di recente.

“Gli appuntamenti di cultura e di svago a livello nazionale saranno accessibili solo a chi si è vaccinato o è guarito” ha detto Merkel. La cancelliera ha aggiunto che la situazione dei contagi è “grave” e che un obbligo di immunizzazione potrebbe essere introdotto, dopo un dibattito in parlamento, a febbraio. La stampa tedesca ha presentato le misure come “un lockdown per i non vaccinati”. A Berlino oggi Merkel ha incontrato Olaf Scholz, cancelliere in pectore, prossimo ad assumere la guida di un governo di coalizione che riunirà socialdemocratici, liberali e verdi. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»