Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’appello di Scarlett Johansson: “Liberate Zaki e chi lotta per la dignità”

L'attrice americana ha postato un video in cui chiede la scarcerazione dello studente egiziano e degli altri membri dell'ong Eipr
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Libertà per Patrick Zaki e “tutti coloro che in Egitto hanno speso la vita lottando contro l’ingiustizia e ora si ritrovano dietro le sbarre”: l’appello è giunto dall’attrice americana Scarlett Johansson, con un video pubblicato su Youtube. Nel filmato si chiede la scarcerazione del ricercatore e degli attivisti della ong Egyptian Initiative for Personal Rights (Eipr) arrestati nei giorni scorsi.

LEGGI ANCHE: Egitto, il direttore dell’ong di Zaki accusato di terrorismo

“Vorrei citare i guai di quattro esseri umani arrestati per il loro lavoro compiuto lottando per la dignità degli altri” dice Johansson: “Gasser, Karim, Mohamed e Patrick”. Secondo l’attrice, a tutti “sono mosse accuse che possono portare a molti anni di prigione, mentre il loro unico crimine è stato quello di difendere la dignità degli egiziani”. Rispetto a Zaki, fermato a febbraio al Cairo di ritorno da Bologna, dove frequentava un master universitario, Johansson ha denunciato che “è stato torturato quando la polizia egiziana lo ha arrestato”.

LEGGI ANCHE: Patrick Zaki resta in carcere, altri 45 giorni di detenzione preventiva

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»