A Matera gli appuntamenti Esteri-Sviluppo del G20, il sindaco: “Di nuovo sulla scena internazionale”

"Ogni cittadino materano può sentirsi orgoglioso ed emozionato per questa scelta, fortemente sostenuta dal ministro Di Maio" ha dichiarato Domenico Bennardi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Matera sarà sede degli appuntamenti Esteri-Sviluppo del G20, il summit dei capi di stato e di governo. I grandi della Terra saranno ospiti della Città dei Sassi nei giorni 28, 29 e 30 giugno prossimi. A Matera si incontreranno, sotto la presidenza di Luigi Di Maio, i ministri degli Esteri e sono previsti una serie di eventi collaterali. “Dopo i lustri da Capitale europea della cultura, Matera si trova nuovamente proiettata sulla scena internazionale – dichiara il sindaco Domenico Bennardi -. Ogni cittadino materano può sentirsi orgoglioso ed emozionato per questa scelta, fortemente voluta e sostenuta dal ministro Di Maio, e che ci dà una nuova e straordinaria occasione per simboleggiare una realtà proiettata nel futuro, orgogliosa delle proprie radici“. Il primo cittadino sottolinea l’identità di Matera, “che la distingue indiscutibilmente da tutte le altre”, con il suo patrimonio, la sua storia e i valori positivi che porta con sé: “È grazie a questa reputazione – continua – che potrà ospitare un appuntamento di respiro globale che riunirà trenta delegazioni dei Paesi più importanti del mondo. L’Italia non ha mai ospitato un evento di tale portata, il fatto che il palcoscenico sarà proprio Matera, ci deve far cogliere l’importanza di questo appuntamento, anche per i temi che vengono trattati”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»