Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mes, fronda nel M5s: 17 senatori e 52 deputati chiedono di fermare la riforma

La replica del dem Marcucci: "Dissenso in maggioranza problema dei capigruppo M5s"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non e’ il momento di arretrare su posizioni che non sono nostre”. In una lettera al capo politico del M5s Vito Crimi, al capo Delegazione Alfonso Bonafede, ai capigruppo e ai membri del Governo, una nutrita pattuglia di parlamentari M5s, formata da 52 deputati e 17 senatori chiede al partito di fermare la riforma del Mes, prevedendo un esplicito passaggio nella risoluzione che il Parlamento sara’ chiamato a votare il 9 dicembre prossimo. In quella data il premier Giuseppe Conte parlera’ alla Camera e al Senato in vista del Consiglio europeo di dicembre.

MARCUCCI: DISSENSO IN MAGGIORANZA PROBLEMA DEI CAPIGRUPPO M5S

“I parlamentari del M5S contrari alla riforma europea del Mes, dovrebbero come prima cosa leggere i testi dell’accordo e poi giudicare. Lo dico perché l’accordo sottoscritto anche dall’Italia è oggettivamente migliorativo. Il dissenso che rischia di aprirsi nella maggioranza è comunque un problema che riguarda principalmente i capigruppo 5 Stelle”. Lo afferma il capogruppo Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»