A Bologna si può lasciare la mascherina ‘sospesa’, un aiuto concreto per i senzatetto

L'associazione Avvocato di Strada raccoglierà mascherine e disinfettanti dal 10 dicembre al 31 gennaio, e li distribuirà a chi non ha una fissa dimora
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – A Napoli c’è l’antica usanza di lasciare un caffè ‘sospeso’ al bar, destinato a chi non può permetterselo. A Bologna, dal 10 dicembre, ci sarà la ‘versione Covid’ di questa tradizione solidale: la mascherina sospesa, iniziativa lanciata dall’associazione Avvocato di strada per fare qualcosa di semplice e concreto per le persone senza dimora. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, un clochard non può stare a casa ma fioccano le multe

L’idea è già stata realizzata in altre città, ma ora anche i bolognesi potranno acquistare mascherine e gel disinfettante “nelle attività che aderiranno alla nostra iniziativa- spiega il presidente Antonio Mumolo-: farmacie, tabaccherie e non solo, e lasciarli sospesi. I nostri volontari di varie città provvederanno a raccoglierli e verranno subito distribuiti alle persone senza dimora che non hanno una casa dove ripararsi”.

CHI NON HA CASA NON HA RIPARO

I senzatetto hanno infatti subito le gravi conseguenze della pandemia, non avendo un posto in cui ripararsi dalle intemperie ma anche dal virus, e non potendo accedere a molti dei servizi preposti. “Durante i mesi del lockdown e in questa seconda ondata la vita per chi è senza dimora si è complicata molto- spiega Mumolo-. La chiusura di tantissimi servizi, delle mense e dei dormitori, ha significato la perdita di fondamentali punti di riferimento e di sostegno. Noi stessi, in quasi tutte le oltre 50 città italiane dove siamo presenti, abbiamo dovuto ridurre o sospendere del tutto i ricevimenti. Tutto questo mentre centinaia di persone senza dimora venivano denunciate e multate perché erano in strada e non potevano restare in una casa che non hanno”.

“Chiediamo a tante attività di darci la propria disponibilità alla raccolta scrivendo a emergenza@avvocatodistrada.it e a tanti cittadini di raccogliere il nostro appello a donare. In questo modo- conclude Mumolo- aiuteranno anche l’Associazione Avvocato di strada a proseguire l’attività di assistenza legale gratuita, proteggendo gli assistiti dentro e fuori dai nostri sportelli”.

LEGGI ANCHE: A Bologna maxifurto nella sede di “Piazza grande”, rubate offerte per 17.000 euro destinate ai senzatetto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»