Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, la Gran Bretagna è il primo Paese ad autorizzare il vaccino Pfizer

vaccinazione
La Francia valuta intanto una campagna di immunizzazione di massa tra aprile e giugno dell’anno prossimo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  La Gran Bretagna ha approvato oggi, con una decisione “di emergenza”, l’impiego di un vaccino per il Covid-19: si tratta del farmaco messo a punto dalla multinazionale americana Pfizer insieme con l’azienda tedesca Biontech. Il dipartimento della Sanita’ britannico, riferisce il quotidiano The Guardian nella sua edizione online, ha reso noto che il governo ha accettato l’approvazione arrivata dalla Medicines and Healthcare Products Regulatory Authority (Mhra), l’ente che si occupa della certificazione dei farmaci e che risponde al dipartimento. Il vaccino, secondo quanto comunicato nei giorni scorsi da Pfizer e Biontech, risulta efficace in circa il 95 per cento dei casi. Secondo The Guardian, le prime dosi del farmaco, riservate alle persone piu’ a rischio, arriveranno nei prossimi giorni. Il governo del primo ministro Boris Johnson ne ha gia’ acquistate circa 40 milioni. L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) aveva annunciato ieri che sia il vaccino di Pfizer e Biontech sia quello realizzato dall’azienda americana Moderna riceveranno un’autorizzazione rispettivamente entro il 29 dicembre e il 12 gennaio. In Francia, il presidente Emmanuel Macron ha reso noto oggi che il governo transalpino “sta valutando” la possibilita’ di una campagna di immunizzazione di massa tra aprile e giugno dell’anno prossimo, dopo una prima fase riservata alle persone “piu’ vulnerabili”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»