Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Resistenza, cippi presi a bastonate: fermati due minorenni ‘annoiati’

Era successo a settembre, i cippi dei giovani partigiani Odino Artioli e Dino Bruni erano stati distrutti a bastonate. I carabinieri hanno individuato i colpevoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA –  “L’abbiamo fatto per noia“. Sono stati rintracciati i due vandali che nel modenese, nella notte tra il 19 e il 20 settembre, presero a bastonate i cippi dei giovani partigiani Odino Artioli e Dino Bruni. Dopo un mese di indagini, i Carabinieri di Carpi e di San Prospero segnalano di aver assicurato alla giustizia i responsabili. Si tratta di due minorenni, uno di San Prospero e uno di Bomporto.

Nel corso di un giro in bici, i due notarono lo spazio delle ‘pietre della memoria’ e decisero di distruggerle ripresentandosi all’imbrunire, armati di un grosso bastone di ferro. I ragazzi, che hanno detto di aver agito per noia, sono stati incastrati anche da alcuni filmati che i militari hanno ritrovato nei loro smartphone.

Ringraziando i Carabinieri per “il brillante risultato”, il presidente provinciale Anpi Lucio Ferrari apprezza e commenta: “Rinnoviamo il nostro sentimento di solidarietà e vicinanza ai famigliari dei due partigiani al sindaco ed alla comunità di San Prospero e rinnoviamo il nostro impegno a proseguire la nostra lotta democratica per l’affermazione dei valori della Resistenza, dell’antifascismo e della Costituzione. Il comune sentire democratico ed il comune impegno di cittadini, istituzioni locali, forze dell’ordine è la migliore garanzia- conclude il presidente Anpi- perché fatti di questo genere non avvengano e si affermi un confronto ed un dialogo civile e democratico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»