Transatlantico come Cinecittà, a Montecitorio si gira ‘1993’

La troupe è a lavoro alla Camera dei Deputati in vista della nuova stagione prevista su Sky nel 2017
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

1993_la_serie_craxiROMA  – Il corridoio del Transatlantico di Montecitorio trasformato per un giorno in un set cinematografico. Da questa mattina, infatti, la troupe di ‘1993’, sequel della fortunata serie tv ‘1992’, è a lavoro alla Camera dei Deputati in vista della nuova stagione prevista su Sky nel 2017.

E mentre il Paese si appresta a un passaggio complesso, con il superamento del crinale del referendum di domenica, anche la narrazione cinematografica della serie tv che ha raccontato il crollo – traumatico – della prima Repubblica, si prepara a narrare un altro momento di passaggio di quell’epoca.

Stavolta infatti si partirà dalle monetine al Raphael contro Bettino Craxi per arrivare alla comparsa di una figura che ancora oggi gioca e vuole giocare un ruolo tutt’altro che secondario nell’agone politico, Silvio Berlusconi. E Montecitorio è il set perfetto della narrazione, così come lo fu inevitabilmente del dispiegarsi di eventi politici ormai storicizzati.

stefano_accorsi_tea-falco_1993Costumisti, comparse, attrezzisti e attori ‘occupano’ così per un giorno i corridoi e le sale della politica italiana.

Confermati gli attori principali di ‘1992’, da Stefano Accorsi, che vestirà ancora i panni del pubblicitario Leonardo Notte, a Miriam Leone, passando per Guido Caprino. La seconda stagione racconterà la fase di passaggio tra la Prima e la Seconda Repubblica italiana.

“Si partirà dalle monetine a Craxi davanti l’hotel Raphael- spiega Carlo Brocanelli, location manager- e si passerà alle inchieste di Di Pietro. Ci sarà poi l’arrivo di Berlusconi, la morte di Gardini, l’arresto di Poggiolini e tanto altro ancora. Gireremo tutt’oggi in Aula”.

di Federico Sorrentino, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»