La Sardegna non molla, vuole il Giro d’Italia

CAGLIARI - "Il Giro d'Italia è sicuramente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

consiglio regionale sardegna

CAGLIARI – “Il Giro d’Italia è sicuramente una possibilità straordinaria da cogliere per la Sardegna, stiamo parlando di un gradissimo evento mediatico. Il primo contatto con gli organizzatori è stato creato prima dell’estate, abbiamo iniziato a lavorare in maniera serrata e il percorso sta proseguendo in maniera serena“.

Così l’assessore al Turismo Francesco Morandi, ieri sera in aula rispondendo alla mozione del consigliere dei Riformatori Michele Cossa, poi approvato all’unanimità, sul passaggio in Sardegna della storica manifestazione sportiva. “Gli organizzatori hanno posto però come condizione, a parte per quanto riguarda le questioni economiche che affronteremo più avanti, una clausola di riservatezza perché ci sono altri territori che vorrebbero ospitare il Giro. Finché gli accordi non saranno conclusi, dobbiamo tenere un profilo ‘tranquillo'”, conclude l’assessore.

Soddisfatto Cossa, primo firmatario della mozione: “Il turismo sportivo nel 2014, con 42 milioni di presenze, ha generato complessivamente in Italia un impatto economico di oltre cinque miliardi di euro- spiega-. Il Giro d’Italia da solo, in appena 20 giorni, ne genera 110 milioni: fatti e dati concreti. Ecco perché per ogni edizione si scatena una vera e propria corsa all’oro da parte dei territori. Mettiamoci subito al lavoro”.

Di Andrea Piana – Giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»