Clima, Gentiloni: “La sfida ai mutamenti e’ anche per la sicurezza globale”

La mancanza di risorse e di mezzi di sostentamento e le catastrofi ambientali costituiscono dei potenziali moltiplicatori di conflitti e un terreno favorevole per il terrorismo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

profughi siriaROMA – “La sfida contro il riscaldamento del Pianeta che siamo chiamati a raccogliere in questi giorni, nello straordinario appuntamento di Cop21 a Parigi, e’ anche una sfida per la sicurezza globale. La mancanza di risorse e di mezzi di sostentamento e le catastrofi ambientali costituiscono dei potenziali moltiplicatori di conflitti e un terreno favorevole per il terrorismo. Basti pensare alla Siria, dove la siccita’ che si e’ abbattuta sul paese tra il 2006 e il 2011, provocando delle massicce migrazioni interne, e’ considerata una delle cause della guerra civile“. Lo dichiara il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, in un messaggio inviato all’iniziativa di Globe Italia organizzata oggi alla Camera dei Deputati ‘La Sfida del clima per la sicurezza e la pace’.

Sappiamo che non sara’ facile mettere d’accordo 200 Stati– conclude Gentiloni- ma e’ necessario, finalmente, passare dalla logica di Kyoto, che riguardava solo un gruppo paesi, ad un vincolo che impegni l’intera comunita’ internazionale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»