hamburger menu

Stop alla sospensione dei medici no vax, ecco quanti potrebbero tornare in servizio

Secondo i calcoli della Fnomceo, dovrebbero essere 1.878 gli effettivi beneficiari della nuova norma emanata dal governo Meloni che ha anticipato all'1 novembre la scadenza dell'obbligo di vaccino Covid per i professionisti sanitari

Pubblicato:02-11-2022 14:56
Ultimo aggiornamento:02-11-2022 14:56
Canale: Sanità
Autore:
visita_medico
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Sono 1.878 i medici che potrebbero rientrare effettivamente in servizio a seguito del Decreto- Legge con il quale il Consiglio dei ministri ha anticipato al 1° novembre la scadenza dell’obbligo di vaccinazione anti-Covid per i professionisti sanitari“. Lo comunica in una nota la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), che ha elaborato gli ultimi dati sui medici e odontoiatri sospesi dagli Albi per non essersi vaccinati.

LEGGI ANCHE: Crisanti: “I medici no vax sono 500, balla dire che il reintegro aiuta gli organici”

“Al 31 ottobre – scrive la Fnomceo – erano dunque 4.004 i medici e gli odontoiatri sospesi, lo 0,85% dei 473.592 iscritti. Di questi, 3.543 medici (lo 0,82% dei 434.577 totali), 461 odontoiatri e 325 doppi iscritti, che, per la stragrande maggioranza, esercitano come odontoiatri”. Nel testo è inoltre riportato che “andando però a vedere l’età dei sospesi, poco meno della metà, e precisamente il 47% dei 3.543 medici, vale a dire 1.665, hanno più di 68 anni e sono per questo fuori dal Servizio sanitario nazionale“.

LEGGI ANCHE: Bassetti: “Il governo Meloni inizia nel peggiore dei modi”

“Dei rimanenti 1.878 – commenta il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli – la percezione è che la maggior parte siano liberi professionisti, ma non abbiamo, su questo, dati certi”. “Quello che possiamo dire – conclude – è che gli Ordini si sono prontamente adeguati alle nuove disposizioni. Ringraziamo quindi tutti i presidenti e il personale per il lavoro che hanno svolto in questi mesi e che ancora stanno svolgendo per ottemperare alla legge”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-11-02T14:56:22+01:00