Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La sostenibilità delle imprese? Frenata dalla burocrazia

imprese sostenibilità
Secondo l'Osservatorio imprese il 48,7% delle aziende ha avuto difficoltà nel percorso verso la sostenibilità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – L’84% delle imprese si considera “molto o abbastanza” sostenibile, ma soltanto il 30% prevede premi di produzione per i manager che raggiungono obiettivi di sostenibilità e nella maggior parte dei casi mancano investimenti e politiche organizzative dedicate, in linea con una corretta transizione ecologica. È uno dei dati che emergono dall’Osservatorio Imprese, sostenibilità e comunicazione realizzato da Format Research e promosso delle società di comunicazione Mediatyche e Homina, aderenti a UNA-Azienda della Comunicazione Unite. Su un campione rappresentativo delle piccole, medie e grandi imprese italiane, sono principalmente le grandi realtà della finanza e del commercio all’ingrosso che si valutano positivamente in termini di sostenibilità.

LEGGI ANCHE: Imprese, 245 startup ogni milione di persone: Emilia-Romagna da podio

DIFFICILE ARRIVARE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI PER LA TROPPA BUROCRAZIA

Quello della sostenibilità è un percorso accidentato: il 48,7% delle imprese ha incontrato difficoltà  a causa della troppa burocrazia per accedere ai finanziamenti pubblici e a un quadro normativo inadeguato. Tra le difficoltà spicca anche, con un 20,8%, la mancanza di personale qualificato da inquadrare negli organici aziendali.

Dalla ricerca emerge anche una carenza di informazioni sui principali strumenti a sostegno della transizione ecologica: solo il 7,2% delle organizzazioni conosce nel dettaglio il Pnrr.

LA STRADA DELLA SOSTENIBILITÀ HA PORTATO NUOVI CLIENTI AL 14,8% DELLE AZIENDE

Uno dei cambiamenti rilevati dall’Osservatorio, a seguito della pandemia, è quello del venir meno della mentalità stand alone: il 17% delle imprese dell’industria e del commercio hanno richiesto alla filiera dei propri fornitori interventi per la sostenibilità. Un dato in crescita del 4% rispetto al 2020. Un approccio che ha generato positivi ritorni economici: il 14,8% delle aziende ha acquisito nuovi clienti dimostrando di operare in una filiera sostenibile.

Nonostante i benefici sul business, dalla ricerca emerge la scarsa propensione delle organizzazioni a rendicontare agli stakeholder il proprio impegno per la sostenibilità. Solo l’8,6% delle imprese obbligate redige un bilancio/report di sostenibilità, percentuale che scende al 4,1% di quelle che non hanno obblighi sulla comunicazione non finanziaria.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»