Assenteismo e droga alla Fondazione Orchestra sinfonica, 47 misure cautelari a Palermo

Tra loro tecnici, amministrativi e addetti al giardinaggio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Assenteismo dal luogo di lavoro della Fondazione Orchestra sinfonica siciliana. L’inchiesta di Palermo ha portato all’obbligo di firma per 47 indagati, accusati di truffa aggravata in concorso a danno della Regione. Si tratta di trenta ‘ex Pip’ appartenenti al bacino ‘Emergenza Palermo’, che erano stati assegnati dal dipartimento regionale al Lavoro alla Fondazione con mansioni di pulizia, manovalanza, giardinaggio, servizio di maschera in sala, centralino e portineria, e di 16 dipendenti della Fondazione addetti all’area amministrativa, tecnica e alla direzione artistica. Coinvolto anche il figlio di un dipendente della fondazione, che avrebbe timbrato il badge del padre.

L’indagine sui lavoratori del teatro Politeama è stata portata avanti dagli agenti della Digos della questura tra febbraio e aprile 2019 attraverso pedinamenti, videoriprese e appostamenti. Per gli investigatori esisteva una “complessa rete di relazioni e di complicità”, ma anche una “marcata e diffusa” illegalità. Gli indagati, dopo avere timbrato l’ingresso al teatro, si allontanavano per diverse ore dal luogo di lavoro per svolgere faccende private come recarsi dal barbiere o portare la propria auto al lavaggio. In una occasione uno dei dipendenti si era allontanato dal posto di lavoro per recarsi a Isola delle Femmine, vicino a Palermo, per pranzare. E c’era chi, come un dipendente dell’area tecnica, che pur risultando presente a teatro si allontanava diverse volte grazie al fatto che il proprio badge veniva timbrato da un collega. L‘inchiesta, inoltre, ha accertato alcune false dichiarazioni sottoscritte da dipendenti della Fondazione che avrebbero attestato l’impossibilità di certificare l’orario d’ingresso o fine servizio giustificandosi con il pretesto di avere dimenticato il proprio badge. Le immagini della Digos hanno smascherato le dichiarazioni di chi aveva sostenuto di trovarsi sul luogo di lavoro.

INDAGINE ALLA FOSS, LAVORATORI SORPRESI A FUMARE MARIJUANA

Sorpresi a fumare marijuana all’interno del teatro Politeama di Palermo. Lo spaccato emerge dalle indagini della Digos sugli assenteisti alla Fondazione Orchestra sinfonica siciliana (Foss). Protagonisti alcuni ‘ex Pip’, lavoratori del bacino ‘emergenza Palermo’, che erano stati distaccati alla Fondazione, in servizio presso la portineria del teatro. “Uno di loro – spiegano dalla questura di Palermo – deteneva quantità significative di droga presso la propria abitazione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»