Piccola storia americana. E tanti auguri

La cittadina di Asbestos vuole rinascere, cambiando nome
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Premessa: non parliamo di Biden contro Trump ma di un altro voto americano. Quello degli abitanti di Asbestos, nel Quebec canadese: in 7mila con un referendum drive-in hanno scelto di cambiare nome alla loro cittadina, sbarazzandosi di una parola velenosa che in inglese e francese significa “amianto”. Di mezzo c’è una storia secolare, cominciata nel 1918 con lo sfruttamento di quella che sarebbe diventata la più grande cava al mondo di crisotilo a cielo aperto e finita con crisi aziendali, licenziamenti di massa e pure la certificazione planetaria delle proprietà cancerogene del minerale.Curioso che l’idea del referendum sia decollata grazie a un programma tv, con creativi incaricati di rilanciare turismo e investimenti nei luoghi più sfortunati della Terra. “Non lasciare che il tuo nome ti butti giù” recitava uno spot: “Asbestos: brutto nome, grande posto”. D’ora in poi la cittadina si chiamerà Val-des-Sources, Valle delle sorgenti, omaggio alle amenità paesaggistiche locali. Ma cambiare nome è giusto o sbagliato? Per rinascere bisogna testimoniare anche la malattia e il dolore o è meglio dare un colpo di spugna, azzerando il conto? Io dico la prima, altri chissà. Ai nostri amici americani facciamo invece solo tanti auguri.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»