Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, folla in strada a Lecce. Lo sfogo sui social del sindaco: “Così non va”

"Gli assembramenti sono una sconfitta per tutti", scrive su Facebook il primo cittadino Carlo Salvemini postando una foto che ritrae il centro cittadino affollato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – È amaro lo sfogo affidato ai social del sindaco di Lecce, Carlo Salvemini che al suo “così non va” allega una foto di via Trinchese, strada del centro cittadino affollata ieri pomeriggio come se l’epidemia da coronavirus non esistesse. “Evitare i contatti sociali non necessari e le occasioni di svago in centro è un preciso dovere civico di tutti noi. Indipendentemente se espressamente previsto dalle normative vigenti. Ce lo stanno raccomandando da settimane medici e scienziati – scrive – Chi sceglie di ignorare questi appelli uscendo a passeggiare come se niente fosse, è un irresponsabile. Chi si ribella ai controlli dei vigili, come è avvenuto con un gruppo di persone che rifiutava di indossare la mascherina, deve essere sanzionato, come è avvenuto”. Per il primo cittadino “è evidente che nessun controllo può funzionare senza la collaborazione dei cittadini e di quanti hanno scelto di passeggiare a Lecce come se non ci trovassimo nel pieno di una pandemia. Gli assembramenti sono una sconfitta per tutti”. Salvemini annuncia che “nel prossimo Comitato per l’ordine e la sicurezza con Prefettura, forze dell’ordine e Asl torneò a chiedere ogni sforzo per proteggere la nostra città dagli irresponsabili. Con il covid non si scherza. È ora che tutti lo comprendano, prima che sia tardi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»