Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Terremoto, Mattarella visita i Comuni colpiti/ FT

Il presidente della Repubblica rientrato in anticipo dalla visita ufficiale in Israele e in Palestina, ha visitato le zone di Camerino e Norcia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, rientrato in anticipo dalla visita ufficiale in Israele e in Palestina, ha visitato le zone di Camerino e Norcia colpite dal sisma e Magione sul Lago Trasimeno.

Al Palazzetto dello sport di Camerino, il presidente Mattarella ha incontrato le popolazioni colpite dal terremoto e i soccorritori. Ad accogliere il Capo dello Stato nella cittadina marchigiana, il Commissario, Vasco Errani, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, il Sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, oltre alle autorita’ locali e alle rappresentanze di Vigili del Fuoco, Croce Rossa, e volontari della Protezione Civile.

Il presidente Mattarella si e’ quindi recato a Norcia dove, accompagnato dal Sindaco, Nicola Alemanno, si e’ intrattenuto con i cittadini, ha incontrato i Monaci della Basilica di San Benedetto, simbolo della citta’ crollata dopo le ultime scosse, e ha visitato la zona rossa del centro storico.

Ultima tappa della visita del Presidente della Repubblica a Magione sul Lago Trasimeno dove sono ospitati alcuni abitanti delle zone terremotate.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»