NEWS:

Conto deposito online: cos’è e quando conviene

L’inflazione sta cambiando le abitudini di risparmio degli italiani

Pubblicato:02-10-2023 09:18
Ultimo aggiornamento:02-10-2023 17:55
Autore:

aumneto_soldi_pil
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Avete mai sentito parlare di conto deposito? I dati dicono che la tendenza a preferire le soluzioni online di questa formula finanziaria sia in aumento. D’altronde, l’inflazione sta cambiando le abitudini di risparmio degli italiani. Ecco, il conto deposito è uno strumento di risparmio che permette di appoggiare i propri soldi in una banca o in una società finanziaria e avere in cambio degli interessi, con numeri che al momento sono in crescita. In un’epoca come quella attuale – in cui l’incertezza regna sovrana e i risparmiatori hanno bisogno di certezze – è possibile quindi avvalersi anche di questo strumento di investimento. Il conto deposito presenta, rispetto al conto corrente, delle funzionalità limitate; lo scopo per cui è predisposto è appunto quello di far valere degli interessi elevati sul patrimonio investito.

In seguito agli sviluppi della digitalizzazione stiamo assistendo a un’evoluzione dei prodotti
finanziari, sempre più disponibili sul web
. Perché le proposte siano degne di interesse, però,
è importante che le condizioni siano chiaramente esplicitate in modo che chiunque possa
valutarle nel caso come vantaggiose. Ci sono delle soluzioni di conto deposito, per esempio, con spese di gestione pari a zero, accessibilità garantita al 100% online, non solo tramite pc ma anche attraverso smartphone e tablet, ma soprattutto possibilità di prelevare il denaro in qualsiasi momento.

Diverse formule, invece, prevedono dei vincoli che, se non rispettati, comportano il pagamento di penali o altri oneri.


COSA SERVE PER APRIRE UN CONTO DEPOSITO?

Aprire un conto deposito risulta di per sé piuttosto semplice, o almeno lo è nella maggior parte dei casi. La ragione sta nel fatto che la banca non si accolla alcun rischio: è semmai il richiedente a dover verificare che l’ente non abbia pendenze in corso e si trovi nelle condizioni di saldare l’impegno preso nei suoi confronti tributando gli interessi dovuti.

Vediamo quali sono i documenti che sono in genere richiesti:
● Documento di identità in corso di validità.
● Tessera sanitaria.
● Conto corrente tradizionale che funge da conto di appoggio.

Alcune banche mettono come condizione un deposito minimo nel momento dell’apertura. In ogni caso, consigliamo di leggere più volte le condizioni prima della sottoscrizione, confrontando più preventivi. Qualcosa che grazie a internet risulta possibile effettuare comodamente dal proprio cellulare e piuttosto velocemente.

IL CONTO DEPOSITO ONLINE CONVIENE, DUNQUE?

Le soluzioni online sono solite presentare condizioni più vantaggiose rispetto a quelle in presenza. Non tutte le soluzioni sono però uguali, né tanto meno hanno le medesime clausole. Un consiglio capace di dare maggiori garanzie è quello di preferire un ente dalla solida reputazione. È questo il caso, ad esempio, di Findomestic. Il conto deposito online al momento proposto da questa realtà creditizia è di tipo non vincolato e presenta un tasso lordo annuo pari al 3% sulla somma depositata.

Ogni procedura risulta interamente attuabile da remoto. Per l’apertura del conto deposito sono necessari pochi passaggi. Il conto deposito messo in campo da Findomestic appare perciò non solo affidabile, ma comodo da gestire in totale autonomia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy