Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, ora è necessario recuperare il rapporto medico-paziente

medico paziente
Se ne è parlato al Congresso Aimo. Il dottor Marco Gusmeroli, consigliere dell'associazione, ha anche presentato il suo libro 'I maestri dell'oftalmologia'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’emergenza sanitaria ha imposto di reimpostare e recuperare la comunicazione tra medico e paziente. Basti pensare ai numerosi ostacoli, come mascherine e schermi, che oggi ci sono. Il paziente spesso ha difficoltà ad esprimersi adeguatamente attraverso la mascherina e di comprendere i nostri gesti e le nostre parole, perché viene a mancare la lettura labiale. Tutto è più complicato. Quindi ogni nostra azione comunicativa deve essere amplificata”. Così Marco Gusmeroli, consigliere di AIMO, nel corso del suo intervento sulla comunicazione post-Covid tra medico e paziente, in occasione del XII Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana dei Medici Oculisti, che si chiude oggi a Roma.

gusmeroli

“Il Covid però è stato anche un’occasione- ha proseguito Gusmeroli- perché ha permesso al medico di tornare ad essere nuovamente un punto di riferimento per il paziente, che soprattutto oggi ne ha molto bisogno. La figura di riferimento del medico nel passato recente si era un po’ persa”. Il dottor Gusmeroli è anche l’autore de’ ‘I maestri dell’oftalmologia’, un libro che raccoglie 90 biografie di medici oculisti legati alla storia delle patologie e alle terapie dell’occhio. Il volume è stato presentato dall’autore proprio in occasione del Congresso: “Ringrazio intanto AIMO per averlo stampato e regalato a tutti i suoi soci- ha commentato Gusmeroli- È un libro a cui ho dedicato, in un tempo limitato, molte ore per poterlo scrivere e consegnare a questo Congresso, che è il primo in presenza dopo il travaglio degli ultimi due anni. Sono davvero contento di essere riuscito a farlo nei tempi. Molte storie dell’oftalmologia sono state già state scritte da autori noti, il mio obiettivo non era però raccontare la storia, ma i personaggi dell’oftalmologia. Il libro è suddiviso in quattro capitoli: oculisti dell’antichità, oculisti post rinascimentali, oculisti dell’età d’oro e oculisti del Novecento“. L’ultimo capitolo, titolato ‘Il lato oscuro dell’oftalmologia’, in particolare, tratta di personaggi “correlati con l’oftalmologia, ma in un modo non sempre etico…”, ha concluso Gusmeroli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»