Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Boom di auto elettriche, nei primi mesi del 2021 +500%

Fino a lunedì a Bologna Ev Show, in mostra auto e mezzi elettrici negli stand allestiti in piazzale Jacchia, ai Giardini Margherita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Se il mercato delle auto tradizionali, a causa della crisi nelle forniture di microchip legata alla pandemia, anche a settembre fa segnare una battuta d’arresto, le vendite di auto elettriche bruciano un nuovo record. “Mentre il mercato dell’auto nel suo complesso sta andando molto male, il mercato dell’auto elettrica è in contro tendenza. Stiamo assistendo a un vero e proprio boom, con un incremento del 500% nella prima parte del 2021″, conferma Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor ospite questa mattina di Ev Show, la kermesse che fino a lunedì metterà in mostra auto e mezzi elettrici negli stand allestiti in piazzale Jacchia, ai Giardini Margherita a Bologna. L’esplosione del mercato delle auto elettriche “è dovuta al fatto che ci sono gli incentivi e che sta sempre più crescendo la coscienza ecologica della gente”, spiega Quagliano.

“Coloro che possono si rivolgono in maniera crescente al mercato dell’auto elettrica. Naturalmente siamo ancora in una fase iniziale. Perché ci sia un vero e proprio decollo, occorre che ci siano più colonnine per la ricarica e occorre che vi siano incentivi del pubblico e una grande disponibilità da parte delle amministrazioni locali. Ma questa c’è”, assicura l’esperto. Le immatricolazioni di auto nuove hanno fatto registrare a settembre un calo record del 32,73% sullo stesso mese del 2020. E ciò nonostante il fatto che dal 2 agosto fossero ritornati in vigore, grazie ad un nuovo stanziamento di fondi, gli incentivi per le auto più richieste, che sono quelle con emissioni comprese tra 61 e 135 grammi di Co2 al chilometro. Diverso è l’andamento delle vendite di auto a trazione elettrica, che hanno fatto registrare una crescita del 575%. “Stiamo procedendo molto forte”, sottolinea Quagliano, ricordando che la quota di veicoli elettrici sul mercato nel 2016 era dello 0,08% mentre nel 2021 l’Italia ha raggiunto il 4%, molto vicino alla media europea del 6,6%. Il parco circolante italiano resta, tuttavia, molto obsoleto e a questi ritmi “ci vorranno 30 anni per rinnovarlo completamente”, ammonisce Adolfo De Stefani Cosentino presidente del concessionari italiani di Federauto. “Difficilmente con un parco macchine così obsoleto riusciremo a ridurre del 55% le emissioni di gas serra come chiede l’Europa”, avverte. 

BENAMATI: “INCENTIVI E COLONNINE PER SPINGERE ELETTRICO

Incentivi e colonnine per spingere il mercato dell’auto elettrica. Questo può fare la politica per agevolare la transizione verso una mobilità più sostenibile. “Il Parlamento e il governo possono continuare ad aiutare incentivando l’acquisto di veicoli elettrici e veicoli ibridi come si fa ora, anche con un piano di incentivazione a medio termine”, spiega il deputato del Pd, Gianluca Benamati, ospite di Ev Show. I contributi all’acquisto, però, da soli non bastano, è necessario anche dotare il territorio di una rete adeguata di colonnine per la ricarica, non solo nelle città, favorendo anche la mobilità elettrica di lungo raggio. È necessario, spiega il parlamentare, fare “in modo che le ricariche diventino sempre più abbondanti, raggiungibili e comode. Nel Pnrr c’è un capitolo ad hoc”, sottolinea. “Questi sono i grandi sforzi che la politica nazionale può fare per aiutare la mobilità elettrica a diventare nei prossimi anni un attore importante della nostra mobilità, sia pubblica che privata”, dice Benamati. “Occuparsi del settore auto non è fare un piacere a qualcuno, ma occuparsi di un settore strategico, in cui lavorano decine di migliaia di italiani”, ricorda. 

DONINI: “SOSTENERE ELETTRICO, SI TUTELA ANCHE SALUTE

Raffaele Donini torna a Ev Show, questa volta in veste di assessore alla Sanità dell’Emilia-Romagna. Del resto, “i temi della sostenibilità ambientale e della salute dei cittadini sono sempre più legati”, evidenzia Donini, nel precedente mandato in viale Aldo Moro aveva la delega ai Trasporti e si occupato della conversione del parco mezzi delle aziende di trasporto pubblico locale attraverso il finanziamento dell’acquisto di nuovi mezzi. “È giusto accompagnare lo sforzo che fanno le imprese nell’evoluzione di nuovi prodotti tecnologici, in questo caso per la mobilità, nel segno dell’elettrico”, spiega a margine della visita alla manifestazione (siamo alla quinta edizione). “La Regione Emilia-Romagna ha sempre dato incentivi alla mobilità elettrica”, sottolinea l’assessore, ricordando i progetti di “diffusione sul territorio delle colonnine di ricarica” e quelli “che riguardano la mobilità sostenibile, anche nel trasporto pubblico locale”. Dunque, “ricordiamo tutti i treni elettrici in servizio sulle nostre reti ferroviarie, gli autobus di nuova generazione. È un segno che sia il pubblico che le aziende stanno interpretando al meglio la sfida alla sostenibilità, che è un presupposto fondamentale anche per la salute dei cittadini”, conclude. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»