Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna scende in piazza per sostenere Mimmo Lucano

mimmo lucano bologna
Tra i manifestanti era presente anche l'attore Alessandro Bergonzoni: "C'è paura, c'è bisogno di solidarietà e di vicinanza e c'è bisogno di far capire che ci sono dei modelli meravigliosi di accoglienza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Erano alcune centinaia le persone che questa mattina hanno riempito piazza XX Settembre a Bologna per far sentire la propria solidarietà a Mimmo Lucano, l’ex sindaco di Riace condannato in primo grado a 13 anni e due mesi dal Tribunale di Locri per reati come abuso d’ufficio, peculato, falso in atto pubblico e altri (ma non per favoreggiamento dell’immigrazione irregolare). Tra bandiere dei sindacati, come Cgil e Cobas, e cartelli con scritte come “Mimmo siamo tutti con te” e “Mimmo ora sappiamo: in Italia l’umanità è reato”, anche il capoluogo emiliano ha quindi fatto sentire la propria voce a sostegno dell’ex primo cittadino del Comune calabrese, divenuto famoso per le sue politiche di accoglienza dei migranti.

LEGGI ANCHE: L’abbraccio commosso tra Mimmo Lucano e Luigi de Magistris: “Orgoglioso di camminare al suo fianco” A Napoli sit-in di sostegno a Mimmo Lucano: “La solidarietà non è reato”

bandiere cgil bologna

Tra i manifestanti era presente anche l’attore Alessandro Bergonzoni, che parlando con i cronisti afferma che in questo momento “c’è paura, c’è bisogno di solidarietà e di vicinanza e c’è bisogno di far capire che ci sono dei modelli meravigliosi di accoglienza. Non vorrei- chiosa- che passasse il teorema che l’accoglienza diventa pericolosa”. Per saperne di più, ricorda, bisognerà ovviamente “aspettare di vedere le motivazioni della sentenza, ma intanto siamo qui per dire ‘vicinanza e solidaretà’, per essere civili e per andare incontro a un’immigrazione importante, da risolvere, e che lui sapeva risolvere”. In questo processo, conclude Bergonzoni, “c’è una sproporzione che non riusciamo a capire e che vorremmo capire al più presto”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Chiara Lambertini di Amnesty Bologna, presente in piazza assieme ad altre attiviste dell’associazione, secondo cui “è necessario ribaltare il teorema per cui chi si occupa di accoglienza ha qualche interesse personale: queste persone svolgono un compito necessario e vanno sostenute”. L’auspicio, ovviamente, è che “in appello emerga l’innocenza di Mimmo Lucano”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»