Gli Uffizi: “In piazza della Signoria due alberi ‘danteschi’, opera di Penone”

PALAZZO VECCHIO firenze
In occasione delle celebrazioni dantesche del 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Due alberi che si incontrano e si incrociano: uno con le radici a terra, l’altro verso il cielo, come nell’immagine dantesca. È la scultura firmata da Giuseppe Penone che verrà installata in piazza della Signoria nell’anno dedicato alle celebrazioni dantesche. Lo rivela il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, alla presentazione degli eventi che Firenze dedicherà al sommo poeta nel 2021.
Sempre Penone realizzerà per gli Uffizi una mostra monografica, il cui cuore sarà proprio una opera creata appositamente per la galleria: un altro albero circondato dai versi della Commedia scritti in un tessuto lungo 15 metri. Oltre a Firenze e “alle nostre iniziative con Forlì e Ravenna, abbiamo naturalmente pensato anche alla Toscana. Dunque ci sarà una mostra con Poppi, dove Dante scrisse alcune parti di Purgatorio e Inferno e, ed una a Castagno, il luogo, fortemente simbolico, dove si svolse l’ultima riunione in cui il Poeta pensò di poter ancora tornare a Firenze”. Nella seconda parte del 2021, prosegue, “gli Uffizi, insieme al museo Galileo, realizzeranno un’altra esposizione, dedicata a Dante e al suo rapporto con le scienze: un tema mai affrontato con una mostra dedicata, che riprende la collaborazione tra gli Uffizi e il museo Galileo già sperimentato con grande successo in occasione della mostra recente sul Codice Leicester di Leonardo da Vinci”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»