Franceschini invoca una norma per Airbnb: “Basta imprenditori mascherati”

dario franceschini
Il ministro pensa a quando "il turismo tornerà imponente": gli Airbnb, chiarisce, "vanno riportati alle origini"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “Il turismo in Italia tornerà imponente e impetuoso, così come lo era lo scorso gennaio”, prima che il covid stravolgesse il globo. Per questo “stiamo lavorando su una norma che riporti gli Airbnb nella logica in cui sono nati, cioè ospitare le persone in casa, offrire un’esperienza del vivere in una casa”. Lo ribadisce il ministro per i Beni e le Attività culturali, Dario Franceschini, a margine della conferenza stampa convocata a Firenze sulle celebrazioni dell’anno dantesco.

“Questo- spiega- succede se ospiti nella casa di residenza o nella seconda abitazione. Se invece compri un condominio per trasformarlo in Airbnb non sei più nello spirito di quell’iniziativa, ma diventi un imprenditore mascherato”.

E visto che il turismo “tornerà imponente”, ripete, “ci troveremo di nuovo, speriamo il prima possibile, di fronte al problema della distribuzione dei flussi turistici. Oggi le città d’arte sono vuote, sono quelle che hanno subito il contraccolpo maggiore dalla crisi e dall’emergenza del covid“. Tuttavia in futuro “ci sarà bisogno di distribuirlo, non soltanto nei luoghi più famosi, ma nei musei minori, nell’Italia minore: per questo stiamo lavorando su borghi, cammini e su tutte quelle forme di turismo che distribuiscono la crescita”.

LEGGI ANCHE: FOTO | Tra boschi, vigneti e zaino è green l’estate italiana post Covid

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»