Sicilia, Cancelleri: “Asse M5s-Pd strada giusta, e Conte lanci la sua lista”

In vista delle Regionali del 2022 in Sicilia, il vice ministro per le Infrastrutture auspica una lista "con l'imprimatur di Conte"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Il vice ministro per le Infrastrutture Giancarlo Cancelleri, uomo forte del Movimento cinque stelle in Sicilia, ribadisce il suo sostegno alla linea “dell’intesa” tra i pentastellati e il Partito democratico, soprattutto in vista delle Regionali del 2022 nell’Isola, e lancia l’idea di “una lista con l’imprimatur” del premier Giuseppe Conte.

Parlando con i giornalisti a margine della presentazione del progetto di completamento dell’anello ferroviario a Palermo, Cancelleri ha spiegato: “sono tra i sostenitori dell’intesa ma si tratta di un laboratorio che deve partire all’Ars, con i parlamentari che devono iniziare a confrontarsi – ha spiegato a chi gli chiedeva del feeling con i dem -. A mio avviso la strada e’ quella, con una componente in piu’: quella del premier Giuseppe Conte, che qui in Sicilia deve giocare una partita importante e lui puo’ farlo perche’ e’ in grado di mettere insieme le migliori energie della regione che non si aggregherebbero sotto a un simbolo nazionale ma che potrebbero essere stimolate dalla sua figura”.

L’idea, ha ribadito Cancelleri, e’ quella di “una lista regionale” che abbia “l’imprimatur” di Conte. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»