VIDEO | A Napoli il corteo anti Salvini invade i quartieri spagnoli

Spuntano cartelli pro sindaco Riace
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI- In occasione della visita a Napoli del ministro dell’Interno Matteo Salvini, impegnato per un comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza in prefettura, circa 500 persone hanno sfilato in corteo lungo via Toledo, contestando le politiche del leader della Lega. Bloccati da un folto cordone di polizia all’altezza del Banco di Napoli, i manifestanti hanno scelto di attraversare i vicoli dei Quartieri spagnoli, tra residenti e turisti incuriositi, prima di fermarsi, sempre contenuti dalle forze dell’ordine, nei pressi di piazza Carolina senza riuscire a raggiungere la prefettura. “Da un lato c’è la claque di Salvini, 100 persone pagate dalla Lega probabilmente con i 50 milioni di euro pubblici che hanno rubato, dall’altro ci sono i cittadini, i movimenti, gli occupanti casa, chi soffre, chi si batte contro la camorra, in piazza in maniera molto più numerosa”. A sostenerlo Raniero Madonna, esponente del centro sociale Insurgencia, nel commentare la partecipazione cittadina al corteo il cui unico momento di tensione è stato il lancio di monete al grido di “puos ‘e sord” e “mariuolo”.

IN CORTEO ANTI SALVINI CARTELLI PRO SINDACO RIACE

L’arresto per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in danno del sindaco di Riace, Mimmo Lucano, irrompe nel corteo #MaiconSalvini che in questi minuti sta andando in scena a Napoli. “Mimmo Lucano libero subito” è l’appello più volte ricorrente sui cartelli esibiti. I manifestanti si sono mossi sulla centralissima via Toledo alla volta della prefettura dove è in corso il vertice del comitato per l’ordine e la sicurezza con il ministro dell’ Interno. A frapporsi tra i manifestanti e il vertice un imponente schieramento delle forze dell’ordine.

(di Elisa Elisa Manacorda)

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»