Manovra, Fortuna (Unicusano): “Stupidaggine che le sorti dell’euro dipendano dall’Italia”

"Juncker poteva risparmiarsi questa uscita"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dire che le sorti dell’Euro dipendano dall’Italia è un’assoluta stupidaggine”. Così il professor Fabio Fortuna, economista e rettore dell’Università Niccolò Cusano, intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus per commentare la reazione dell’Ue alla manovra italiana. “Purtroppo la reazione dell’Europa è stata scomposta– ha affermato- Scomposta non tanto nelle dichiarazioni di Moscovici, quanto nella bruttissima e inopportuna dichiarazione di Juncker. Juncker, come presidente della Commissione Ue, poteva risparmiarsi questa uscita. L’Italia è importante nel contesto europeo, ma se fosse vero che le sorti dell’Euro dipendono dall’Italia, forse Juncker avrebbe fatto bene a stare zitto e a fare in modo che l’Italia fosse aiutata”.

“Non è la prima volta che Juncker dice certe cose- ha continuato Fortuna- fa solo danni. L’Italia non fa schifo come qualcuno vorrebbe dipingerla a livello internazionale. Purtroppo agli annunci seguono delle conseguenze, perché i mercati finanziari si innervosiscono ed è quello che sta accadendo oggi. Indubbiamente anche lo spread ne ha risentito. L’Italia è in difetto perché è inaccettabile che dal 27 settembre non ci sia ancora uno straccio di documento in cui affiori qual è la linea di condotta in relazione ai punti principali di questa manovra. E allora l’Europa in questo senso ha ragione. Io credo che questa tendenza di indeterminatezza della manovra, in un periodo di forte tensione come quello attuale, incida fortemente. Speriamo che il testo che uscirà possa rassicurare l’Europa, i mercati e il contesto macroeconomico internazionale. Diamo concretezza agli annunci, ai dati sintetici che sono stati espressi, vediamo cosa effettivamente si deve fare”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»