Bologna, cercasi Garanti. E il Comune cancella dai curricula nome, età e sesso

La proposta è arrivata dalla consigliera Emily Clancy, che fa l'avvocato e ha studiato anti-discriminazione tra Bologna e Londra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
emily-clancy_bologna
Emilu Clancy

BOLOGNA – I curricula? Si valutano al buio: niente nome, età, foto. E le candidature diventano anche “genderless“, nel senso che non viene specificato se le competenze e le esperienze messe nero su bianco si riferiscono ad un uomo o ad una donna. Succede al Comune di Bologna e la novità riguarda, in particolare, la selezione del Comitato dei garanti che, in base allo Statuto di Palazzo D’Accursio, ha il compito di giudicare l’ammissibilità o meno dei referendum consultivi. La proposta è stata avanzata nei giorni in scorsi da Emily Clancy (Coalizione civica), messa ai voti dalla presidente della commissione Affari istituzionali Lucia Borgonzoni (Lega nord) e approvata all’unanimità, con la sola astensione della consigliera Raffaella Santi Casali (Pd). Prende così forma uno dei primi criteri che il Consiglio è chiamato a stabilire per scegliere i nuovi Garanti: una volta definiti tutti i parametri, i gruppi dovranno selezionare cinque candidati tra i 31 che hanno risposto all’avviso pubblico che l’amministrazione, pur non essendoci un obbligo di legge in tal senso, ha deciso di pubblicare per avviare il rinnovo dell’organismo. Ai cinque nomi si potrà arrivare direttamente in commissione oppure, se la rosa resterà più ampia, la selezione dovrà avvenire tramite il voto in aula. Per cominciare, i consiglieri dovranno esaminare i curricula senza sapere a chi appartengono.

kings_college_london
King’s College

L’avvocato Clancy, che ha fatto ricerca sull’anti-discriminazione tra l’Università di Bologna e il King’s College di Londra, ha preso spunto proprio dall’Inghilterra. “Lì hanno adottato come prassi l’utilizzo dei curricula genderless, senza foto, nome ed età- spiega alla ‘Dire’ la consigliera civica- così da ottenere valutazioni scevre da qualsiasi possibile discriminazione”. In questo modo, continua Clancy, non solo si può evitare di essere influenzati dall’eventuale conoscenza personale dei candidati, ma si favorisce una scelta “libera da pregiudizi sull’età o il sesso”. Un fattore di cui tener conto, visto che gli studi su queste tematiche “dimostrano che spesso, anche inconsciamente, si tende a preferire il candidato uomo a fronte di curricula di pari valore”. Così facendo, però, c’è il rischio di effettuare le nomine senza rispettare alcun equilibrio di genere. In realtà, fa notare Clancy, la soluzione è semplice: è sufficiente formare una graduatoria più ampia e poi scorrerla per garantire la rappresentanza di uomini e donne. L’idea portata in commissione da Clancy “è molto buona”, commenta Borgonzoni, “perchè pensiamo sia giusto favorire l’imparzialità nella scelta” dei candidati.

di Maurizio Papa, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»