Per il Giubileo piano straordinario anti-abusivi

Accordo tra la Santa sede e il Comune. Lo spiega il vicesindaco Marco Causi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il degrado nella zona di San Pietro? Ieri la Santa sede e il Comune hanno detto che occorre un piano straordinario per il contrasto all’abusivismo commerciale, in particolare nelle zone del Giubileo. E’ stato posto il tema del decoro, che ricordo è collegato alla pulizia e quindi pagato con la tariffa dei rifiuti dai romani, e quindi occorrerà predisporre qualche intervento anche di spesa straordinaria certamente per migliorare non soltanto lo stato attuale del decoro ma poi anche nel decorso del 2016″. Lo ha detto il vicesindaco e assessore al Bilancio di Roma Capitale, Marco Causi, intervenendo in diretta ai microfoni di Radio anch’io su Radio1.

M. Causi
M. Causi

NESSUN CLIMA TESO CON LA SANTA SEDE, LAVORI SPEDITI – “Ieri ero a via della Conciliazione per partecipare alla cabina di regia con il Vaticano sul Giubileo e questo clima così teso francamente non l’ho visto. Ieri durante la cabina di regia si è preso atto che tutti gli interventi messi in campo stanno viaggiando alla velocità e nei tempi corretti, con alcune opere di manutenzione strade e di tram e autobus già in corso”, commenta Causi. “A livello operativo e organizzativo- ha proseguito Causi- si sta andando avanti con grande velocità e in tempi stretti, che non sono un errore del Comune né tantomeno del Governo ma dipendono dalla natura di straordinarietà di questo Giubileo, non prevedibile e annunciato ad aprile e su cui lo stesso Vaticano chiede interventi soft e nessuna grande opera. Non è un Giubileo delle grandi opere ma delle pedonalizzazioni e delle passeggiate su Roma”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»