Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La farmacia del futuro a Cosmofarma con i convegni di ReAzione

cosmofarma
Appuntamento al quartiere fieristico di Bologna dal 9 al 12 settembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Sarà all’insegna della reazione e della volontà di ripresa la prossima edizione di Cosmofarma ReAzione – I valori al centro, in calendario dal 9 al 12 settembre al quartiere fieristico di Bologna. Intanto si tratterrà di un ritorno in presenza: un segno concreto che sottolinea la volontà di reagire dell’intero comparto.

Presentata oggi a Milano, alla Casa Cardinale Ildefonso Schuster, la manifestazione bolognese si svolgerà quest’anno con il patrocinio della FOFI e in collaborazione con Federfarma, Utifar e Fondazione Cannavò. Eccezionalmente poi CosmofarmaReAzione condividerà le date con Sana-Salone internazionale del biologico e del naturale e Onbeauty by Cosmoprof. Ma non finisce qui perché, per la sola edizione di settembre 2021, Cosmofarma ha voluto aggiungere alla sua denominazione il sostantivo ReAzione e la frase I valori al centro, così da rendere esplicita la volontà di reagire e affrontare le sfide del futuro forti della grande esperienza che sostiene la continua evoluzione del mondo farmacia.

Empatia, ascolto, tempo, inclusività, resilienza, fiducia, salute, relazioni umane, libertà e sostenibilità: sono i valori che da sempre contraddistinguono il lavoro del farmacista e che ancora di più oggi debbono essere messi in campo. Fiducia nel futuro e volontà di ripresa sono le direttive sulle quali l’edizione di Cosmofarma ReAzione ha pensato le sue attività, organizzato le iniziative speciali e predisposto un ricco programma di dibattiti, seminari, ore di formazione e incontri.

Cinquanta sono i convegni in calendario dedicati ai temi strategici della farmacia e del dibattito pubblico, suddivisi in quattro filoni: scientifico, manageriale, istituzionale e, appunto, ReAzione. Ai valori è ispirata la Cosmofarma Business Conference di venerdì 10 settembre, affidata ad un relatore di grande prestigio, lo psicoanalista Massimo Recalcati che proporrà un intervento dal titolo “L’importanza dei valori”, realizzata con il contributo incondizionato di EG Stada Group. Grande è l’attesa per questo incontro che certamente offrirà numerosi spunti di riflessione sulle conseguenze, ma anche sulle opportunità aperte dal difficile periodo che abbiamo vissuto e sulle possibili risposte, sulla rilettura dei valori e sul loro ruolo nella vita di ciascuno di noi.

Tre i relatori che oggi hanno illustrato a Milano le novità e i temi salienti di Cosmofarma ReAzione: Andrea Mandelli, Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, Marco Cossolo, Presidente Federfarma, in collegamento da Roma, e Francesca Ferilli, direttore generale di Bos srl. “Un’edizione certamente straordinaria che nasce sotto il segno della ripartenza, della ReAzione appunto – ha affermato Francesca Ferilli, presentando la manifestazione – e che ha lo scopo di offrire uno stimolo per tutto il mondo produttivo legato al comparto della farmacia. Un mondo che ha visto negli ultimi due anni grandi cambiamenti ed evoluzioni e che oggi più che mai ha bisogno di uno spazio di confronto e riunione per riflettere sul proprio futuro. Ed è proprio questo che Cosmofarma ReAzione intende essere”.

“Sarà un piacere poter tornare finalmente a incontrare i colleghi potendosi guardare negli occhi e non attraverso un monitor. Cosmofarma ReAzione, anche grazie a questo aspetto, sarà un momento importante per tutti i farmacisti e per le farmacie di comunità. Dopo aver sostenuto con grande impegno e dedizione la fase più dura della pandemia, garantendo ai cittadini assistenza e supporto in tutti gli ambiti, dall’ospedale agli esercizi di vicinato, si apre un’ulteriore stagione di elaborazione e proposta per potenziare il ruolo del farmacista nella sanità territoriale”, dice il presidente della FOFI, Andrea Mandelli.

“La pandemia ha accelerato il processo di sviluppo della farmacia, che ha saputo reagire all’emergenza sanitaria offrendo prontamente i servizi necessari a soddisfare le nuove esigenze di salute dei cittadini – pensiamo ai tamponi effettuati per tracciare i contagi o alla somministrazione dei vaccini anti-Covid per ampliare la copertura vaccinale – dimostrando di essere a pieno titolo il primo presidio di prossimità sul territorio, perfettamente integrato nel Servizio Sanitario Nazionale”, afferma il presidente di Federfarma nazionale, Marco Cossolo. Anche i Presidenti delle altre associazioni che patrocinano la manifestazione, Fondazione Francesco Cannavò e Utifar – Unione Tecnica Italiana Farmacisti, hanno fatto pervenire il loro saluto alla manifestazione: “Cosmofarma ReAzione è un appuntamento importante – ha dichiarato Luigi D’Ambrosio Lettieri, presidente della Fondazione Francesco Cannavò e vicepresidente della FOFI – soprattutto in questa difficile emergenza, nel quale tenteremo di dare risposta ai tanti interrogativi che ha suscitato la pandemia, capire come evolve la professione e dimostrare come il patrimonio delle competenze rappresenti un aspetto fondamentale per dare risposte adeguate al nuovo ruolo che si prospetta per la farmacia italiana. Avremo molte cose da dirci e siamo certi che i colleghi risponderanno numerosi a questo invito”. “Durante la pandemia – ha dichiarato Eugenio Leopardi, Presidente di Utifar – la farmacia ha dimostrato una grande capacità di resilienza ed è stata in grado di adattarsi in tempi rapidissimi, per offrire al cittadino le migliori risposte alle esigenze di salute. Questo è stato possibile grazie all’impegno quotidiano dei colleghi e al continuo confronto con i sistemi sanitari nazionali e regionali. La capacità di reazione che abbiamo dimostrato è indice della forte volontà per quel cambiamento che invochiamo da anni e che, negli ultimi mesi, è stato reso necessario dagli eventi”.

Affrontare il cambiamento della farmacia è uno dei temi centrali della prossima edizione di Cosmofarma ReAzione. A cominciare dall’analisi del dato fortemente in crescita che riguarda le vendite on line: una crescita già in essere prima della pandemia, ma che il cambiamento di comportamento degli italiani ha fortemente influenzato tanto da far registrare un vero e proprio boom. Secondo Iqvia nei 12 mesi da giugno 2020 a maggio 2021, i ricavi delle farmacie online hanno superato i 423 milioni di euro, con una crescita del 51,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ma non va trascurato che la farmacia ha confermato di essere il primo presidio territoriale a cui i cittadini possono con fiducia fare riferimento: in prima linea nel contrasto alla pandemia, le farmacie sono state coinvolte proprio per il loro alto grado di prossimità e per la loro diffusione su tutto il territorio nazionale. E’ infatti la presenza del farmacista con la sua competenza a garantire, anche in caso di vendite on line, la qualità dei servizi offerti. Luogo del primo screening, si pensi solo al grande ruolo svolto nella prevenzione della diffusione del Covid-19 che da ultimo ha visto le farmacie italiane firmare un accordo per tamponi a prezzo calmierato, la farmacia è la sede della presa in carico dei molti pazienti che soffrono di malattie croniche dove, grazie alla professionalità del farmacista, si crea quella relazione continua con il cliente basata sulla fiducia e sulla conoscenza reciproca. Ed è proprio questa caratteristica a renderla un luogo idoneo non solo per la somministrazione dei vaccini, ma anche dove poter ricevere le giuste informazioni, le risposte ai dubbi e affrontare le paure sotto la guida di professionisti competenti. Un comparto, quello della farmacia, che arricchisce il servizio sanitario con il quale collabora in modo rigoroso. Digitalizzazione e automazione dei processi consentiranno sempre più alla farmacia di superare la sola dimensione di luogo fisico e le permetteranno di entrare nelle case dei cittadini. Come affrontare il cambiamento? Come evolve il ruolo del farmacista? Innovare, usare la Rete anche per dare i giusti consigli ai clienti, sventare molte fake news su farmaci e salute, comunicare in maniera più facile, saranno tra i nuovi compiti del farmacista? E allora come formarsi, su cosa puntare, dove va il mercato? A tutte queste domande Cosmofarma ReAzione – I valori al centro cercherà di offrire una risposta e di sostenere il mondo farmacia con aggiornamenti e approfondimenti. Il programma della quattro giorni bolognese si arricchisce anche di iniziative speciali, come Cosmofarma Young, seconda edizione, che sostiene le aziende emergenti.

In un’area dedicata saranno ospitate le imprese nate da non più di due anni che avranno la possibilità di incontrare buyer italiani e internazionali e trovare nuove opportunità di business. Cosmofarma Young prevede anche un premio: una “borsa di studio”, che consentirà di usufruire gratuitamente di un percorso di crescita e supporto individuale grazie alla partnership con EKIS, società altamente specializzata nello sviluppo delle risorse umane. Se qualcuno aveva dubbi circa l’importanza e il significato del legame che si instaura tra l’uomo e il suo animale domestico, basta che consulti i dati di un’indagine realizzata dall’osservatorio Coop2020: 7,8 milioni di persone durante il 2020, in pieno lockdown e isolamento, hanno acquistato un animale. Non è un caso, infatti, se nel primo mese del 2021, rispetto all’anno passato, le vendite del comparto veterinario sono arrivate a valori del 21% e hanno superato i 25 milioni di euro, per un totale di oltre un milione di confezioni vendute (+16.6%). E Cosmofarma ReAzione si tiene al passo anche su questa novità con un’area espositiva dedicata, la PetCare, con l’obiettivo di promuovere soluzioni innovative ed incentivare l’utilizzo di nuovi strumenti che agevolino la comunicazione tra farmacisti e proprietari, per il benessere animale. Infine la manifestazione presenta la sesta edizione dell'”Innovation&Research Award 2021″ per celebrare e valorizzare la capacità delle imprese di innovare e investire in ricercascientifica, in nuovi prodotti e nuovi progetti. A settembre, ed è una novità, tra i premi che saranno assegnati si aggiunge la categoria ReAzione, per promuovere e valorizzare il ruolo del farmacista e i diversi valori che lo compongono. Sei le categorie premiate: Alimentazione e Integrazione, Arredi per la Farmacia, Dermocosmesi, Management & Digitale, Tecnologie per la Farmacia. Per ogni categoria un gruppo di esperti valuterà i progetti, le novità e stabilirà il vincitore del 2021. 

E-COMMERCE E SOCIAL IN FARMACIA

Tra uso dei social network, e-commerce, incontri per facilitare la comunicazione on line e verbale tra farnacista e paziente, o per consigliarlo al meglio, nella trentina di appuntamenti dei convegni con focus management a Cosmofarma ReAzione – I valori al centro c’è molto spazio per l’innovazione e il digitale. Alla Fiera di Bologna dal 9 al 12 settembre, ci saranno momenti dedicati al mercato, ai trend in farmacia, al ruolo del farmacista, alla pharmaceutical care. Senza dimenticare il Cosmetic Summit e Barometro Farmacia, lo studio di Doxa Pharma che dà uno spaccato sull’intero mondo italiano delle farmacie, il business, le tendenze, le aspettative; una ricerca che ha visto impegnati 400 farmacisti titolari per fotografare la “farmacia post-Covid”. L’evento sponsorizzato da BD Rowa si terrà il 10 settembre. “Una ricchissima proposta di incontri che si presenta come una chance per essere informati, innovare la propria farmacia e valorizzare ulteriormente il ruolo del farmacista”, spiega una nota di Cosmofarma ReAzione. Nei quattro giorni della manifestazione fieristica bolognese, infatti, i farmacisti avranno innumerevoli occasioni per confrontarsi con un settore in continua evoluzione. Tra gli appuntamenti, si segnala il corso di formazione “Presenza digitale e social network in farmacia: quali scegliere, quando utilizzarli e come integrarli nell’attività quotidiana per una corretta informazione al paziente”, a cura di Emanuela Belloni, Docente Retail Marketing farmaceutico e promosso con il contributo incondizionato di EG Stada Group. I social media possono infatti essere uno strumento per informare i propri pazienti, che hanno sempre più fame di informazioni, ma che talvolta nella selva della rete, faticano a trovare il giusto consiglio e rischiano di incorrere in fake news. 

“La farmacia può quindi essere un punto di riferimento attendibile per ottenere le risposte a domande, dubbi o timori”, aggiunge la nota. Il corso, che si terrà il 10 settembre alle 10.45 in Farma Room (padiglione 29) e l’11 alle 12.45 al Cosmofarma Training Hub (padiglione 30) partendo da una panoramica sui vantaggi e i limiti di questi strumenti digitali, si propone di aiutare ad acquisire elementi con cui creare e gestire la comunicazione con i propri pazienti, come pure per costruire un rapporto di fiducia con i propri interlocutori, anche grazie ai social media. Sempre in tema di digitale, l’11 settembre alle 16.40 al Cosmofarma Training Hub, è previsto “Titolari di farmacia: curare la vostra reputazione digitale fa bene al business”, a cura di Stefano Chiarazzo. In questo caso il focus è proprio sull’importanza della reputazione digitale: “Anche per le farmacie e i farmacisti, come in altri settori, è di assoluta rilevanza per ottenere la fiducia dell’utente. Ancora una volta, infatti, l’emergenza sanitaria ha tenuto le persone ‘inchiodate’ a internet e ai social, dove hanno cercato risposte alle proprie aspettative. Il farmacista, per restare al passo coi tempi, offrire servizi sempre più efficaci, costanti e veloci come pure per costruire relazioni umane, può usare dunque anche i social media, sfruttandoli al meglio”, prosegue la nota. La reputazione digitale, peraltro, può fare la differenza nel convincere le persone ad acquistare online e a fidelizzarle verso il proprio farmacista. La vendita on line è una nemica o un’alleata? La domanda è alla base di “E-commerce e marketplace: Strategie e processi per la farmacia vincente nell’epoca post-Covid”.Andrea Mangili di Farmakom, il 10 settembre alle 15.40 in Sala Meeting in Farma, spiegherà come approfittare di questa opportunità

Invece “Reazione a catena, come reagire al mercato di oggi senza subirlo”, a cura di Damiano Marinelli, fissato per l’11 settembre alle 13.45 nell’Aula Magna del padiglione 30, inizierà con una analisi del mercato, per poi soffermarsi sulle opportunità future e sugli elementi necessari per reagire senza subire il mercato, specie per le farmacie indipendenti. “Come reagire dipende da chi deve reagire: la farmacia, il farmacista, il titolare? Le opportunità ci sono ma di certo bisogna saperle cogliere”, aggiunge la nota. Innovazione anche al centro di “La farmacia dei Servizi al passo dell’innovazione tecnologica: il progetto PagoPA”, a cura di Farmacie Federfarma Bologna il 10 settembre alle 12.15 in Farma Room, padiglione 29. Il 9 settembre, invece G-Gravity presenta “Farmacia del futuro, innovazione e sviluppo” in Training Hub alle 12.30. Di comunicazione si parlerà poi con “Il valore del consiglio professionale in farmacia: reagire ed alzare il livello di consiglio”, a cura di Gabriella Daporto (il 9 settembre alle 14.30 al Cosmofarma Training Hub), con “Consumer Neuroscience e Neuromarketing. Un nuovo approccio per una comunicazione di successo dedicata al mondo della farmacia”, a cura di Vincenzo Russo dell’Università Iulm (il 10 settembre alle 11.45 nello Spazio Innovazione del padiglione 29. La comunicazione legata al business è al centro di “Come aumentare il valore dello scontrino medio passando dal consiglio alla scienza di far comprare”, a cura di di Manuela Ravasio, Mental Coach Ekis the Coaching Company.

Ricco anche il programma dedicato a beauty e cosmetica, a partire dal fondamentale Cosmetic Summit che chiama i farmacisti nello Spazio Innovazione l’11 settembre alle 14.30. Il ciclo di seminari rappresenta un focus sul mondo della dermatologia e della cosmetica in farmacia con approfondimenti sui trend e sugli scenari futuri. Sul tema poi in calendario “Dermocosmesi: alla ricerca dell’assortimento ideale”, focus sul ruolo e le leve di vendita della cosmesi green, selettiva e a marchio della farmacia, a cura di Paola Gallas (Training Hub il 12 settembre alle 10). E infine “La farmacia riparte in bellezza”, a cura di Centro Studi Cosmetica Italia (Spazio Innovazione, il 9 settembre alle 15). La farmacia dei servizi è un altro argomento che i farmacisti possono approfondire durante la manifestazione grazie ai convegni del filone management. Tra gli altri si segnala l’appuntamento “I servizi come leva competitiva. Attrattività, fidelizzazione, valore aggiunto”, a cura di Paola Gallas (il 9 settembre alle 16 in Training Hub). Il 12 settembre alle 11.30 in Farma Room “Farmacia dei servizi: CompuGroup medical presenta GCM Point of care”. Faro puntato anche su temi specifici, come accadrà il 9 settembre alle 15.30 col convegno “Il farmacista tra due mondi: come gestire il consumatore ‘ibrido'”, a cura di Isabella Cecchini, Head of Primary Market Research IQVIA Italia (in Sala Meeting in Farma). O con “In farmacia per il benessere del bambino con l’omeopatia”: i comportamenti delle mamme raccontati da Eumetra, i consigli della società di Pediatria SIPEC, il supporto e la formazione di Boiron al farmacista, in Spazio Innovazione il 10 settembre alle 12.30. Bambini e Covid-19 sono il tema che verrà affrontato il 10 settembre alle 11.20 durante l’incontro “La salute dei minori alla luce della pandemia Covid-19”, tempestività di cure e nell’ospedalizzazione dei bambini: il ruolo della medicina del territorio e delle farmacie, a cura della Fondazione Francesca Rava-NPH Italia Onlus.

ALIMENTI E INTEGRATORI PER STARE MEGLI

I nutraceutici per rimanere in salute e per prevenire le malattie, i probiotici e l’integrazione nutrizionale per combattere il decadimento cognitivo negli anziani, il farmacista preparatore e il suo ruolo che è cambiato a fronte dell’emergenza sanitaria. Il filone scientifico del programma di convegni previsto a Cosmofarma ReAzione (alla Fiera di Bologna dal 9 al 12 settembre), grazie alla partecipazione di medici e studiosi che informeranno sui temi di rilievo per la farmacia, si pone l’obiettivo di incrementare le conoscenze del farmacista. Durante tutta la manifestazione, spiega una nota di Cosmofarma ReAzione, sono diversi gli incontri previsti, a partire dalla “Nutraceuticals Conference”, l’11 settembre dalle 10, con una giornata di approfondimenti e seminari che, nella sala Meeting in Farma del padiglione 30, affronteranno il tema dei nutraceutici e degli integratori alimentari, analizzando il mercato, le prospettive del comparto nel canale farmacia, le aree di applicazione.

“Un appuntamento dedicato ai farmacisti che, assieme ai medici, sono il punto di riferimento per il paziente”, si aggiunge. Gli integratori alimentari, infatti, “da tempo si stanno facendo strada nell’interesse dei consumatori, i quali però hanno bisogno di essere consigliati e indirizzati verso i prodotti più adatti alle proprie esigenze di salute”.

Altro appuntamento è la tavola rotonda “Il farmacista preparatore e l’attività di Sifap”, previsto in Farma Room (padiglione 29) ancora l’11 settembre, ma alle 15.45. Il focus dell’incontro, dopo un excursus su quanto successo dal febbraio 2020, sarà sull’importanza del laboratorio della farmacia.In questo periodo, infatti il farmacista preparatore, sia esso ospedaliero o di comunità, ha dovuto fronteggiare nuovi compiti, come la carenza di prodotti, che in alcuni casi hanno visto una minor disponibilità a fronte della crescita delle richieste o perché durante l’emergenza erano necessari dosaggi o forme farmaceutiche diverse rispetto al medicinale con Aic. “Ma il farmacista si è dovuto misurare anche con l’ascolto del paziente che spesso si è rivolto alla farmacia di fiducia per avere consigli o rassicurazioni, visto che il personale sanitario era occupato sul altri fronti e dunque meno disponibile”, aggiunge la nota. “L’emergenza sanitaria ha dunque messo di fronte il farmacista preparatore alla necessità di rinnovarsi per ritrovarsi più consapevole del proprio ruolo”. La tavola rotonda si concluderà con un accenno alle attività Sifap per il 2022. Le persone affette da demenza nel 2010 erano 36 milioni nel mondo, nel 2013 sono cresciute a 44 milioni, si stima che nel 2030 siano 76 milioni e ben 135 milioni nel 2050. In Italia oggi sono più di 1.200.000 i soggetti affetti da demenza, di cui circa 600.000 malati di Alzheimer, in costante crescita e destinati a raddoppiare nei prossimi 20 anni. “Una vera sfida per il futuro anche perché per queste patologie non c’è ancora una cura e visto che i malati possono solo contare su qualche terapia per alleviare i sintomi”. Ecco perché Cosmofarma ReAzione propone il convegno “Senior e decadimento cognitivo: dai meccanismi patogenetici all’integrazione nutrizionale d’avanguardia”, in calendario l’11 settembre alle 15.30, a cura di Luigi Coppola, Medico Chirurgo, Specialista in Oncologia ed esperto in Nutrizione e Dietetica (in sala Meeting in Farma, padiglione 30) che approfondirà appunto le prospettive disponibili dal punto di vista dell’integrazione nutrizionale. Ancora sui nutraceutici è il convegno previsto per il 9 settembre alle 10 in sala Meeting in Farma a cura della Fondazione Istituto Scienze della Salute, che si intitola “Uso corretto dei nutraceutici nella cura e nella dieta delle malattie- l’importanza del microbioma”. L’11 settembre alle 12.00, in Farma Room (padiglione 29), “I probiotici come modulatori del microbiota intestinale: un nuovo approccio alla medicina personalizzata per il medico e il farmacista”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»