VIDEO | Ritorno in classe, lo psicologo: “Genitori non lo vivano male”

"Niente panico in autunno per il primo raffreddore o la prima febbre", dichiara a Sky Tg24 Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell'Istituto di Ortofonologia (IDO)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
ROMA – “I bambini hanno una grande forza di adattamento a situazioni molto piu’ difficili rispetto agli adulti, quindi per loro non sara’ complicato tornare a scuola con le nuove disposizioni anti Covid. Tutto dipendera’ dall’atteggiamento dei grandi, perche’ se non spaventiamo i piu’ piccoli loro poi si adattano. Non dobbiamo vivere male il loro ingresso a scuola”. Lo dichiara a Sky Tg24 Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), che ha analizzato le paure di mamme e papa’, fornendo dei consigli per superarle. Un’ansia evidenziata dai genitori e’ che i bambini possano abbracciarsi, e su questo tema l’esperto aggiunge: “Non possiamo mettere qualcuno con il bastone per non farli stare vicini. È importante sapere che i bimbi sono poco recettori e poco trasmettitori; non dobbiamo caricarli dei nostri timori. Il problema piu’ grande sara’ il panico dei genitori quando i bambini, nei periodi autunnali di pioggia, prenderanno il raffreddore o avranno tosse e febbre. La gente si deve rendere conto che avere degli stati febbrili in autunno e’ normale- sottolinea lo psicologo- e che non hanno nulla a che fare con il Covid”. Fiducioso nel sistema sanitario e nell’organizzazione anti virus nelle scuole il direttore dell’IdO ritiene “fondamentali i primi tre mesi, quando si potra’ verificare lo stato delle cose e proseguire con serenita’. Mi spaventa di piu’- avverte- il fatto che verra’ a mancare il compagno di banco, perche’ nella crescita degli alunni si perderanno delle esperienze. Per i piu’ piccoli non ci saranno i giochi di contatto e le manifestazioni d’affetto che sono per loro fondamentali”. Analizzando i comportamenti e le paure di alunni, docenti e genitori, il direttore dell’Ido promuove gli studenti. “Sono molto piu’ seri e aderenti alle situazioni di quanto possiamo immaginare. Il Covid ha generato in loro delle riflessioni sui rapporti sociali e alcuni hanno sviluppato, durante il lockdown, la sindrome della capanna. Ora pero’, il fatto che la scuola si mostri accogliente portera’ loro una condivisione e una capacita’ di relazionarsi maggiore. La buona riuscita del ritorno in classe dipendera’ molto dai docenti che andranno aiutati e sostenuti. Bisognera’ ripartire con dolcezza e senza strappi. Sui ragazzi punto al 100%- afferma lo psicoterapeuta- sui docenti abbastanza e sui genitori un po’ di meno, perche’ questi ultimi trovano sempre le colpe negli altri”. E sull nuova tendenza, scatenata dal Coronavirus, dell’homeschooling (istruzione domiciliare) che sta prendendo sempre piu’ piede, Castelbianco conclude: “I ragazzi hanno bisogno dei coetanei e di condividere le esperienze. Chiudendoli in casa non sono meno a rischio contagio, perche’ poi andranno in giro con gli amici che frequentano la scuola. L’homeschooling e’ solo un rimedio alle proprie ansie”. Analizzando i comportamenti e le paure di alunni, docenti e genitori, il direttore dell’Ido promuove gli studenti. “Sono molto piu’ seri e aderenti alle situazioni di quanto possiamo immaginare. Il Covid ha generato in loro delle riflessioni sui rapporti sociali e alcuni hanno sviluppato, durante il lockdown, la sindrome della capanna. Ora pero’, il fatto che la scuola si mostri accogliente portera’ loro una condivisione e una capacita’ di relazionarsi maggiore. La buona riuscita del ritorno in classe dipendera’ molto dai docenti che andranno aiutati e sostenuti. Bisognera’ ripartire con dolcezza e senza strappi. Sui ragazzi punto al 100%- afferma lo psicoterapeuta- sui docenti abbastanza e sui genitori un po’ di meno, perche’ questi ultimi trovano sempre le colpe negli altri”. E sull nuova tendenza, scatenata dal Coronavirus, dell’homeschooling (istruzione domiciliare) che sta prendendo sempre piu’ piede, Castelbianco conclude: “I ragazzi hanno bisogno dei coetanei e di condividere le esperienze. Chiudendoli in casa non sono meno a rischio contagio, perche’ poi andranno in giro con gli amici che frequentano la scuola. L’homeschooling e’ solo un rimedio alle proprie ansie”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»