Ufficiale la candidatura a sindaco di Campobello dell’ex pm Ingroia: “Coniugare legalità e sviluppo”

Come anticipato alla Dire arriva l'ufficialità della candidatura dell'ex magistrato alle prossime comunali nel piccolo centro in provincia di Trapani
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – “Si’, accetto”. Con queste due parole l’ex magistrato Antonio Ingroia, oggi di professione avvocato, leader di Azione civile, ha ufficializzato la candidatura a sindaco di Campobello di Mazara, piccolo centro in provincia di Trapani, anticipata ieri dalla Dire. Ingroia, che sta tenendo una conferenza stampa a Campobello, ha spiegato: “La sfida sara’ quella di coniugare legalita’ e sviluppo, che non sono elementi contraddittori ma devono camminare insieme. Accetto per ragioni politiche ma anche personali: io sono legato alla provincia di Trapani perche’ la mia famiglia ha origini trapanesi e perche’ ho iniziato il mio lavoro di pm alla procura di Marsala con Paolo Borsellino”.
Ingroia ha poi aggiunto: “Quello di Campobello diventera’ un modello virtuoso, che potra’ andare anche oltre i confini della citta’. Se vinceremo la rassegnazione e daremo speranza di cambiamento ai cittadini sono convinto che ce la faremo”. A chiedere ad Ingroia di impegnarsi in prima persona e’ stato un comitato cittadino, denominato ‘Cambiamo Campobello’, di cui fanno parte anche alcune forze della sinistra e un consigliere comunale uscente del Movimento cinque stelle, Tommaso Di Maria.

Di ‘Cambiamo Campobello’ fanno parte anche Giuseppe Calcagno (Centopassi), l’ex sindaco Giuseppe Fazzuni, Michele Melchiorre (Azione civile-Ingroia) e Antonino Gulotta (movimento Liberi per cambiare). Ingroia ha poi aggiunto: “A Campobello c’e’ chi ha gia’ iniziato a fare campagna elettorale attraverso l’esercizio della amministrazione comunale. Credo che si possa stringere un nuovo patto sociale – ha concluso l’ex pm -, tra le realta’ imprenditoriali piu’ sane con i lavoratori. Creare un circolo virtuoso che puo’ fare risorgere Campobello dalle sue ceneri diventando modello di riferimento anche nazionale”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»