Migranti, Aodi (Medici stranieri): “Gli irregolari con Covid-19 sono solo l’1,5%”

Cosi' Foad Aodi, presidente dell'Associazione Medici di origine Straniera in Italia, intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Oggi siamo nella terza fase della prima ondata del Coronavirus. Stanno arrivando molti contagi di importazione, alcuni anche da migranti. In Africa pero’ le percentuali sono molto inferiori rispetto ad Europa e America. Per quanto riguarda i migranti, sono il 6% del totale dei contagiati in Italia. Tra questi, i migranti irregolari contagiati sono l’1,5%, una percentuale molto bassa”. Cosi’ Foad Aodi, presidente dell’Associazione Medici di origine Straniera in Italia, intervenuto ai microfoni della trasmissione ‘L’Italia s’e’ desta’, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus. 

“Noi abbiamo proposto una tessera prevenzione Covid per tutti quelli che non hanno il permesso di soggiorno– ha aggiunto- per consentire loro di fare analisi e tutto cio’ che e’ necessario in questo momento. Tanti migranti hanno paura di andare in strutture a fare accertamenti, soprattutto chi non ha il permesso di soggiorno. Poi c’e’ chi strumentalizza questa situazione“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»