Buondì Motta, bufera per la mamma investita da asteroide. Ma ora tocca al papà

La nuova pubblicità di questa storica merendina ha fatto arrabbiare tante persone, soprattutto mamme
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Marcella Piretti, giornalista professionista

BOLOGNA – Il Buondì delle polemiche. La nuova pubblicità del Buondì Motta – una merendina che esiste da decenni ed è targata appunto Motta- ha fatto arrabbiare molte persone, soprattutto mamme. Sì perchè nello spot che sta passando in televisione all’incirca da una settimana, spot messo a punto da una tra le più grandi agenzie pubblicitarie del mondo, la Saatchi & Saatchi, e strutturata all’insegna dell’ironia e di un’atmosfera volutamente surreale, si vede una mamma che viene fulminata da un asteroide, mentre si trova in giardino alle prese con i preparativi per una elegante prima colazione.

E’ tutto surreale nella pubblicità, a partire dal look di mamma e bambina (vestite a festa e agghindate di primo mattino proprio per scimmiottare gli spot tradizionali che tendono a rappresentare la famiglia ‘perfetta’), passando per il giardino chic curatissimo e l’apparecchiatura della tavola in stile matrimonio con tanto di fiori sul tavolo, fino ad arrivare alla frase pronunciata dalla figlia (lunga, arzigogolata e con un linguaggio costruito assolutamente inverosimile per una conversazione a voce). E per dare un finale coerente al breve spot succede – per l’appunto – una cosa incredibile: la mamma viene alla fine centrata in pieno da un asteroide che la incendia e la uccide sul colpo, mandando in cenere anche il prezioso tavolo per la prima colazione. Ma chi critica tanto non deve aver colto lo spirito della pubblicità.

In tante, sui vari social e gruppi di mamme (ma anche sulla pagina Facebook del Buondì Motta), si sono scagliate contro la decisione di “far esplodere una mamma“, per di più  nel “momento storico in cui ci troviamo“.  Una donna scrive: “La trovo davvero fuori luogo ci sono tanti modi per ironizzare e questa è davvero orrenda uccidere per finta ovviamente una donna madre visto che le donne vengono sempre uccise“. E ancora: “Io, quando ho visto per la prima volta questa pubblicità, sono rimasta stupefatta. Ma come si può pubblicizzare un prodotto consumato prevalentemente da bambini, facendo morire la mamma, seppure in un modo improbabile? Ma chi è questo genio del marketing?”. Qualcuna, poi, spiega che “le mie figlie quando l’hanno vista sono rimaste male”. E c’è chi si preoccupa per una possibile immedesimazione: “Non ci siamo proprio… bambini che davvero non hanno una mamma perché morta in un incidente. C’è da vergognarsi altro che ironia”. Insomma, un disastro.

Altri commentatori trovano la pubblicità “senza senso“, “eccessiva”, “inquietante”, “pessima”, oppure “da cambiare canale proprio”. Qualcuno addirittura parla di “un messaggio di morte” o di troppo “violenza”. Ma (fortunatamente) lo spot ha suscitato anche tanti apprezzamenti e battute ironiche di persone che l’hanno trovata divertente. “Una mamma che con tutta calma e una messa in piega perfetta mette i fiori nel vaso del suo giardino di 4000 ettari ?!….merita il meteorite!”. O anche: “Di meteoriti ne sarebbero dovute cadere due; uno per la mamma che infila i fiori con troppa minuziosità e l’altro per la bimba viziata e fastidiosa…..”. Altri festeggiano l’arrivo, “finalmente”, di “una pubblicità moderna”, o la giudicano “geniale”, “divertentissima”, “originale”. C’è poi chi incoraggia la Motta, tra i tanti commenti astiosi, e scrive: “Mettevi subito al lavoro per la campagna invernale”.

Nel frattempo, è uscita la seconda puntata dello spot, in cui a saltare per aria (subito dopo la mamma) è il padre. Che arriva in giardino subito dopo l’esplosione (a cui non dà il minimo peso) e invoca un asteroide “un po’ più infuocato” di quello che ha colpito la mamma. Detto, fatto, boom. E ora si indigneranno i papà?

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»