Banche, nonnina contesta Renzi: “Avete rubato”. Lui: “Avete rubato lo dice a sua sorella”

La contestazione è andata in scena stamattina, quando Renzi ha parlato alla festa dell'Unità di Bologna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
La contestatrice mentre si avvia verso l’uscita della sala accompagnata dalla sicurezza

BOLOGNA – C’è anche tempo per una protesta all’incontro con il segretario del Partito democratico, Matteo Renzi, alla Festa dell’Unità di Bologna. Una signora anziana ha infatti esposto uno striscione contro il cosiddetto decreto Salva-banche, gridando tra le altre cose di rivolere i propri risparmi. “Avete rubato un milione”, grida a Renzi la donna. “Avete rubato lo dice a sua sorella” è la replica d’impeto del segretario dem.

La donna, dopo aver urlato ed esposto lo striscione, ha poi fatto per andarsene. Tanto che Renzi dal palco, mentre lei continuava a urlare, le ha detto “Se sta a sedere le rispondo“. Alla fine è stata poi accompagnata vicino a una delle uscite, e Renzi ha approfittato dell’occasione per concedersi un’uscita ironica sui suoi legami con le banche: “Mi accusano di essere un loro servo, ma i miei rapporti con loro si esauriscono con i miei due mutui“. Tra l’altro, aggiunge il segretario dem, “ho sempre detto e ribadisco che i rapporti tra politica e banche spesso hanno prodotto danni, e questo vale sia a destra che a sinistra, come dimostra il caso del Monte dei Paschi di Siena”.

di Andrea Mari, giornalista professionista

LEGGI ANCHE:

Migranti, Renzi: “Giusto stop sbarchi, giusto restare umani. Ma non si può accogliere tutti”

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»