Migranti, Renzi: “Giusto stop sbarchi, giusto restare umani. Ma non si può accogliere tutti”

Il segretario dem ripete anche la fatidica frase che scatenò un inferno di polemiche: "Giusto aiutarli a casa loro"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Per risolvere i problemi servono buonsenso e una visione di medio periodo, e penso che sia stato giusto bloccare gli sbarchi“. Dal palco della Festa dell’Unità di Bologna, il segretario del Partito democratico Matteo Renzi sintetizza così il suo pensiero sulle politiche sull’immigrazione da portare avanti. Il leader dem ribadisce, in ogni caso, che “chi è in mare va salvato, perché non farlo non sarebbe umano“, ma tiene a precisare che “c’è comunque un numero massimo di persone che si possono accogliere. Bisogna salvare tutti, ma non si possono accogliere tutti”.

E ripete anche la fatidica frase, costatagli una marea di polemiche qualche mese fa: “Giusto aiutarli davvero a casa loro, giusto restare umani”.


RENZI: SUPERARE ACCORDO DUBLINO, OPPURE BASTA SOLDI UE A CHI NON ACCOGLIE

Sempre a proposito di immigrazione, Renzi ricorda che l’accoglienza compete all’Italia in base all’accordo di Dublino firmato nel 2003 (“dal Governo Berlusconi, che ora ogni salta su a dire che “Bisogna fermare l’immigrazione”).

E quell’accordo “che dice che i problemi, le responsabilità e la gestione delle persone che arrivano in un paese è soltanto di pertinenza di quel paese. Se come ha detto la Merkel la settimana scorsa bisogna superare Dublino, e la Merkel farà seguire alle parole i fatti, sarà un passo in avanti. Se non lo fanno, io propongo di smettere di pagare quei paesi europei che non prendono la propria parte di responsabilità nella gestione dell’immigrazione. Se non ti prendi responsabilità, non prendi neanche i soldi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»