Il Ciclone compie 20 anni, a Firenze la pellicola proiettata sulla Basilica

Per la serata, oltre a Pieraccioni, arriveranno anche alcuni attori del cast tra cui Barbara Enrichi (che vinse il David di Donatello per la sua interpretazione di Selvaggia) e Massimo Ceccherini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

massimo ceccherini_il ciclone

FIRENZE – Rivivere le scene cult del film campione d’incassi che ha raccontato la toscanità in tutta Italia. “Il Ciclone” di Leonardo Pieraccioni compie 20 anni e il Quartiere 1 del Comune di Firenze con la commissione Cultura insieme all’associazione culturale “Bang!” hanno deciso di rendere omaggio al regista fiorentino con un evento, a ingresso libero, dal titolo “Leonardo…Il Ciclone da 20 anni!” in programma lunedì 12 settembre alle 21 in piazza Santo Spirito.

Sulla facciata della Basilica sarà infatti proiettata per intero la pellicola alla presenza del regista e protagonista Leonardo Pieraccioni insieme a parte del cast: Barbara Enrichi (vincitrice del David di Donatello proprio con Il Ciclone) Massimo Ceccherini, Sergio Forconi, Bruno Santini, Giuliano Grande e Tosca D’Aquino.

Prima dell’inizio della proiezione, in continuità con quanto proposto sempre dalla commissione Cultura lo scorso anno con l’evento ‘Buon Compleanno Amici Miei’, sarà riproposto l’irriverente dialogo tra Pieraccioni e Gino, con l’indimenticabile voce del Maestro, Mario Monicelli. Per l’occasione sarà proiettata in anteprima anche una parte dello speciale “Il Ciclone…Oggi” realizzato da Bruno Santini e Leonardo Scucchi per il mercato dell’home video.

https://youtu.be/GGgVAIxksW0

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»