Esposito: “Roma come Londra? Allora per il Giubileo fuori dal centro i bus turistici”

"In una annata normale abbiamo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma. Caos pullman per l'udienza papale“In una annata normale abbiamo a Roma 70 mila bus turistici, nell’anno del Giubileo ne arriveranno 170 mila. Non faccio la guerra ai bus, provo a rispondere a problemi annosi”. Così replica Stefano Esposito, senatore Pd e assessore capitolino ai Trasporti, intervenuto questa mattina alla trasmissione ‘Ecg Regione’ di Radio Cusano Campus. Il tema è la gestione della mobilità nella Capitale in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia.

E annuncia che i mega bus “devono fermarsi fuori. Il Comune deve garantirgli uno stallo in prossimità di metropolitane e linee ferroviarie, e i turisti devono andare verso il centro con il mezzo pubblico”. L’assessore è intransigente su questo punto: “Questo è un tema ineludibile e strutturale- prosegue- Con qualunque romano mi capita di parlare, mi spiega che il traffico al centro è un disastro, in particolar modo per il continuo flusso dei pullman turistici.”.

Perché, secondo Esposito, “Non mi si può chiedere una Roma come Londra e poi far transitare 170 milabus turistici in centro. La mia proposta non è per fare cassa- conclude- né per far assumere qualcuno in qualche azienda o per farmi propaganda elettorale. Io voglio dare risposte strutturali”.

Di Redazione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»