hamburger menu

Il sindaco di Bologna dal palco del 2 agosto: “Non voltarsi quando il fascismo si ripresenta”

Il monito di Matteo Lepore dal palco di Bologna dove si commemora la strage del 2 agosto 1980

02-08-2022 11:23
matteo lepore sindaco bologna_strage 2 agosto 2022
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

BOLOGNA – Nella storia italiana “Bologna è stata ferita a morte, Bologna è stata colpita più volte” e oggi qualcuno suggerisce di non parlare più di questi eventi per non spaventare le persone, ma “no. Come sindaco di una città medaglia d’oro al valor civile, medaglia d’oro della Resistenza, non posso e non voglio girarmi dall’altra parte ogni volta che il fascismo si ripresenta nelle sue nuove e perverse forme: siano esse terrorismo, razzismo, omofobia, odio e intolleranza. Non voglio e non posso”. Lo afferma il sindaco Matteo Lepore parlando dal palco di piazza Medaglie d’oro nel 42esimo anniversario della strage alla stazione del 2 agosto 1980. Un passaggio, questo dell’intervento di Lepore, che ha raccolto applausi consistenti e prolungati da parte della piazza.

LEGGI ANCHE: Il sindaco di Bologna: “Non voglio vedere di nuovo fascisti al governo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-02T11:23:41+02:00