Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bassetti: “In terapia intensiva solo non vaccinati”

Matteo Bassetti
Il monito del direttore della clinica di Malattie infettive del San Martino di Genova: "Se non ti vaccini metti a rischio la tua salute e la tua vita e quella delle persone che hai intorno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – I ricoverati per Covid della quarta ondata “in terapia intensiva sono tutti non vaccinati e la loro età media è inferiore di molto ai 50 anni. Questi sono i dati sia genovesi che italiani: se non ti vaccini, metti a rischio la tua salute e la tua vita e quella delle persone che hai intorno, qualunque età tu abbia. La vaccinazione protegge dalla malattia grave. Inoltre, chi da vaccinato si dovesse contagiare non trasmette o trasmette molto meno l’infezione rispetto a un non vaccinato”. Lo scrive su Facebook il direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti.

Grazie ai vaccini– prosegue l’infettivologo- stiamo vivendo una quarta ondata di contagi e non di casi gravi. In Italia, a fronte di 35.000 contagi a settimana, abbiamo meno di 100 nuovi ingressi in terapia intensiva (poco più dello 0,1% del totale). A marzo, la percentuale superava l’1%. Una riduzione di dieci volte. Speriamo che anche chi è scettico sul vaccino capisca e decida di vaccinarsi”.

LEGGI ANCHE: Otto italiani su dieci cercano più informazioni sul vaccino, ma crolla la fiducia nel web

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»