Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bimbo di 8 anni scrive al sindaco di Taranto: “Parliamo di come far chiudere l’Ilva”

lettera bimbo ilva-min
Andrea è uno degli otto bambini nel mondo (unico caso in Italia) affetti da rarissima mutazione del gene sox4
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Il pomeriggio vado in piazza con il monopattino. Se vieni possiamo parlare come fare per chiudere l’Ilva”. Si chiude così la lettera che Andrea, 8 anni, il più piccolo tra gli attivisti dell’associazione ‘Genitori tarantini’, sempre presente alle manifestazioni per la salute e l’ambiente, ha scritto al sindaco di Taranto.

“Lo fa con le parole semplici e pure dei bambini”, si legge in un post Facebook dell’associazione. “Andrea è uno degli otto bambini nel mondo (unico caso in Italia) affetti da rarissima mutazione del gene sox4. Tutti questi bambini vivono in luoghi altamente inquinati da fabbriche. La sua mamma, Simona, ci ha consegnato questa lettera chiedendoci di inviarla al sindaco di Taranto”.

Intanto, oggi, spiegano i membri di ‘Genitori tarantini’, da Facebook “ci è giunta una mail che minaccia la chiusura entro 24 ore della pagina dell’associazione per segnalazioni di violazione del copyright. Sospettiamo chi siano stati gli artefici di tali segnalazioni. A questi individui vogliamo ricordare, prendendo in prestito una frase di un famoso film, che “quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare”. Lo faremo da subito”. “Segnaliamo ancora come venga presa di mira la pagina di un’associazione no-profit che si batte per il benessere dei piccoli tarantini e dell’ambiente e come le libertà di informazione e di critica vengano così facilmente frustrate da fisime di infima categoria di indegne persone”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»