Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tokyo 2020, la stampa internazionale celebra Marcell Jacobs: “Fulminante come un lampo”

jacobs marcell stampa estera
Dal New York Times alla Bbc, da El Pais a L'Équipe, i giornali di tutto il mondo celebrano l'impresa del velocista azzurro, oro nei 100 metri alle Olimpiadi di Tokyo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Marcell Jacobs si prende il mondo. La medaglia d’oro dell’italiano nei 100 metri alle Olimpiadi di Tokyo fa felice tutto lo Stivale e conquista la scena anche all’estero. “Gli italiani stupiscono perfino loro stessi”, titola il New York Times, sottolineando “quanto alla vigilia fosse improbabile” una vittoria di Jacobs e di Tamberi nel salto in alto. Ma il termine più ricorrente nella stampa anglofona per definire l’impresa del velocista nato a El Paso ma cresciuto a Desenzano del Garda è “shock”: la utilizza la Cnn, ricordando i “gloriosi minuti” vissuti dall’Italia allo Stadio Olimpico di Tokyo e come Jacobs non fosse certo il favorito numero uno per succedere a Usain Bolt, ma anche Bbc Sports, che sottolinea come fino al 2018 l’atleta si era concentrato sul salto in lungo. Di “vittoria sbalorditiva” parla Sky Sports Uk, che evidenzia come Jacobs sia il primo a vincere un oro nella gara regina dei Giochi dal 2004, quando iniziò il regno del giamaicano Bolt.

LEGGI ANCHE: Tamberi e Jacobs, i dieci minuti che stravolgono l’atletica a Tokyo 2020

Lo spagnolo Mundo Deportivo scrive che il velocista azzurro è “la prima reincarnazione della corona più mediatica dell’atletica dopo l’era di Usain Bolt”, mentre El Pais, elencando la nazionalità dei finalisti dei 100 metri (“Un cinese, un italiano, un nigeriano, un sudafricano, un canadese…”), spiega che non si tratta di “una barzelletta di cattivo gusto ma di un inno ecumenico” e che “la scomparsa dell’astro unico di Bolt dal pianeta dell’atletica ha dato vita a una moltitudine di piccoli pianeti”, con Jacobs che è stato “fulminante come un lampo, pura dinamite”. Ma il titolo più d’impatto è quello di Marca: “È decisamente l’anno dell’Italia”, dopo la vittoria agli Europei di calcio degli azzurri di Mancini.

LEGGI ANCHE: Tokyo 2020, fantastico Marcell Jacobs: l’azzurro vince l’oro nei 100 metri

In Francia, per l’Équipe l’azzurro è stato un “vincitore folgorante” e il suo oro è stato “sorprendente, in barba a tutti i favoriti”. E, dopo aver rimarcato che Marcell ha migliorato due volte il record europeo fino a fissarlo a 9″80, si fa presente che un atleta del Vecchio continente non saliva sul gradino più alto del podio nei 100 metri dal 1992, quando il britannico Linford Christie si lasciò tutti alle spalle a Barcellona. Mentre i tedeschi della Bild giocano con le parole e titolano: “Bella sprinter”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»