Ancora temporali su Emilia-Romagna e Lombardia

Nuovi acquazzoni sulle regioni del Nord Italia, coinvolte anche Liguria e Toscana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Rovesci di forte intensità, con lampi e fulmini, vento forte e anche grandinate. Continua l’allerta meteo e il maltempo per le regioni settentrionali dell’Italia, in particolare Lombardia ed Emilia-Romagna per cui la Protezione civile ha emesso un’allerta arancione.

L’allerta parte dal primo mattino di domani, lunedì 3 agosto, quando sono previste precipitazioni da sparse a diffuse ed a prevalente carattere temporalesco, su Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Provincia Autonoma di Trento, con estensione della fenomenologia a Liguria e Toscana.

Tutto dipende, a livello tecnico, da una “saccatura di origine nord-atlantica” con asse al momento sulla Francia, che nel corso delle prossime ore farà il suo deciso ingresso sul nostro Paese. Il forte peggioramento delle condizioni meteorologiche porterà, su tutte le regioni settentrionali, frequenti ed intense precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, in estensione, da domani a parte del centro peninsulare.

Sulla base delle previsioni disponibili, il dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende il precedente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»