FOTO | VIDEO | Strage Bologna, stazione intitolata al 2 agosto: “Aiuta la memoria”

Nata da un'idea del regista Vittorio Franceschi del 2009, l'intitolazione della stazione al 2 agosto è andata in porto per i 40 anni della strage
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – “Questa targa è un grande obiettivo per fare in modo che la memoria dei cittadini vada oltre, non sia solo un compito dei familiari delle vittime ‘fare memoria’”. È questo l’obiettivo che Paolo Bolognesi auspica per la nuova denominazione della stazione, che oggi, nel quarantennale della strage, è stata ribattezzata “Bologna centrale – 2 agosto 1980“.

“Arriverà un domani quando sarà completato l’iter- commenta Bolognesi a margine della scopritura- che facendo un biglietto ci sarà scritto 2 agosto 1980. Molti si interrogheranno, come si interrogano a utilizzare la sala d’aspetto lo faranno anche quando prendono il biglietto. L’obiettivo è fare in modo che la memoria costantemente vada avanti, avanti, avanti. Questo è il punto”.

Anche per il sindaco di Bologna, Virginio Merola, che ha assistito insieme a Bolognesi all’inaugurazione assieme alla presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, è “un bel risultato. Ringraziamo le Ferrovie, è una bella cosa che abbiamo fortemente voluto. Nasce da un’idea di Franceschi (Vittorio,ndr) che abbiamo fatto nostra, io e Paolo Bolognesi. Resterà intitolata al 2 agosto e alla nostra bella stazione”.

LEGGI ANCHE: 

Strage Bologna, Bolognesi: “Processo sui mandanti può cambiare la storia d’Italia”

Strage Bologna, Crimi: “Dopo 40 anni si può solo chiedere scusa”. Casellati: “Basta segreti”

VIDEO | FOTO | Strage Bologna, ecco la app visuale che racconta le vittime ai giovani

La stazione di Bologna si chiamerà ‘2 agosto’ per ricordare la strage

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»