Pd, Sala sta con Zingaretti: “Giusto parlare con gli elettori del M5S, molti dei nostri stanno lì”

Per Sala insomma bisogna trovare "le formule" per avvicinarsi al 40% utile a governare, "altrimenti si sta all'opposizione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Ho sempre detto che molti dei nostri stanno di lì”. Il sindaco di Milano Giuseppe Sala giudica “positivamente” l’invito del segretario dem Nicola Zingaretti a parlare con gli elettori del M5S.

Sala lo fa a margine di una visita al cantiere M4 di Linate, e ripete quelli che per lui sono i punti cardine da cui la sinistra deve ripartire, perché “il Pd da solo non ce la fa”, come ha già ribadito in più occasioni il sindaco milanese.

Per Sala insomma bisogna trovare “le formule” per avvicinarsi al 40% utile a governare, “altrimenti si sta all’opposizione, che vuol dire non entrare nelle scelte fondamentali come eleggere il prossimo presidente della Repubblica”, specifica.

Il sindaco si sofferma anche sulle liti nel governo gialloverde: “Non vanno d’accordo su nulla- ammette- e non vedo un grande futuro per questo governo”, tuttavia non si sbilancia sulla durata dell’esecutivo: “Difficile dire se cadrà o no”, sottolinea.

“Certo- ammette Sala- c’è un grandissimo disagio: come fanno a essere alleati questi?”, si chiede, riconoscendo di avere “un concetto di alleanza che è molto diverso”.

LEGGI ANCHE:

Lungo applauso del Pd per Franceschini: “Sbagliato lasciare M5s nelle mani della Lega”

Franceschini apre all’alleanza Pd-M5S, Di Maio lo gela: “Noi diversi da chi non si schiera su Bibbiano”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»